L’ANPC e l’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia Comitato di Milano

Alcune riflessioni a cura di Claudio Fragiacomo, Consigliere Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia – Comitato di Milano, che ringraziamo per la gentile concessione. di Claudio Fragiacomo – Affinità, sinergia, empatia sono alcuni dei termini che descrivono il rapporto del nostro Comitato con l’ANPC (Associazione Nazionale Partigiani Cristiani). Lo abbiamo già verificato svariate volte dal momento che è iniziato un ideale percorso comune, tanto che, in occasione di questa Pasqua, la Presidente di ANPC, Maria Pia Garavaglia, così si è espressa: “Nel giorno in cui si evoca la pace noi…

Condividi:
Leggi

Docenti veneti e istriani insieme nella formazione e nella progettazione didattica

Fonte https://www.anvgd.it/docenti-veneti-e-istriani-insieme-nella-formazione-e-nella-progettazione-didattica/ di Lorenzo Salimbeni – Nuovo importante evento realizzato nell’ambito del protocollo sottoscritto tra la Regione Veneto e la Federazione delle Associazioni degli Esuli istriani, fiumani e dalmati: si è svolta ieri a Buie la prima giornata della seconda edizione del seminario di studio “Le due rive: Venezia – Istria Fiume Dalmazia”. La delegazione veneta, composta da circa 50 partecipanti tra docenti, dirigenti dell’Ufficio Scolastico Regionale del Veneto e rappresentanti dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia che hanno curato i dettagli del viaggio, ha svolto un’esperienza immersiva non solo nell’ambito…

Condividi:
Leggi

Incontro su foibe ed esodo all’Istituto Malignani di Udine

Fonte https://www.anvgd.it/incontro-su-foibe-ed-esodo-allistituto-malignani-di-udine/ di Lorenzo Salimbeni -Il Comitato provinciale di Udine dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia comunica che sabato 13 aprile dalle ore 9:00 alle 12:00 avrà luogo presso l’Aula Magna dell’ISIS Malignani (via Leonardo da Vinci, 10 – Udine) il convegno “Foibe, esodo e area alto-adriatica”. Tale iniziativa rientra nel progetto “La Memoria e il Ricordo: conoscere per condividere, condividere per non dimenticare” finanziato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia ed organizzato dalla Rete di scuole “La Memoria e il Ricordo”, alla quale afferiscono anche l’IIS II Tagliamento di Spilimbergo, l’ISIS Magrini-Marchetti di Gemona e l’ISIS D’Aronco di…

Condividi:
Leggi

30 marzo 2004, la Legge 92 istituisce il Giorno del Ricordo

Fonte: https://www.anvgd.it/30-marzo-2004-la-legge-92-istituisce-il-giorno-del-ricordo/ di Lorenzo Salimbeni Ci sono date che per il confine orientale italiano hanno rappresentato una cesura dal resto della storia nazionale, a partire dall’8 settembre 1943. Una giornata che oggi tende ad essere sempre più ricordata come l’inizio della Resistenza omettendo che, come acutamente notato da Ernesto Galli Della Loggia, si trattò della morte della Patria, una morte che si consumò soprattutto in Venezia Giulia, a Fiume ed in Dalmazia, ove il collasso politico, militare ed istituzionale dello Stato sabaudo significò dare il via libera ai partigiani comunisti jugoslavi per…

Condividi:
Leggi

Pasqua con pinze e titole

Pubblichiamo il vivido ricordo delle celebrazioni pasquali di Annamaria Crasti, vicepresidente dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia Comitato di Milano. Le deliziose specialità dolciarie, gli inebrianti aromi tipici della Pasqua nella sua amata terra d’origine. Il rito iniziava il martedì santo. Nonna Anna abbandonava ogni sua occupazione – e ne aveva tante – per dedicarsi alle pinze. Delle pulizie pasquali si occupavano altre due signore che conoscevano bene la casa e, soprattutto, la maniacale pulizia di nonna: tutto doveva brillare, essere lavato e in ordine per la Festa, per Cristo Risorto.  Nonna…

Condividi:
Leggi

Conferenza sull’ eccidio di Porzus

Pubblichiamo contributo dei relatori sulla conferenza svoltasi sul tema l’eccidio di Porzus a cura di Claudio Fragiacomo, che ringraziamo per la gentile concessione. Premetto che il nostro Comitato, da parecchi mesi, ha stabilito con l’ANPC (Associazione Nazionale Partigiani Cristiani) un rapporto di collaborazione, basato sulla dichiarata volontà delle parti di approfondire le tematiche che stanno a cuore ad ambedue. Tale collaborazione si è sviluppata a livello personale, attraverso la partecipazione a momenti di aggregazione dedicati a discutere temi specifici e conoscendo così gli esperti chiamati a dissertare sui singoli argomenti.…

Condividi:
Leggi

Le diete del Nessuno: italianità al di fuori del Regno d’Italia nato il 17 marzo 1861

Fonte: https://www.anvgd.it/le-diete-del-nessuno-italianita-al-di-fuori-del-regno-ditalia-nato-il-17-marzo-1861/ «Il Re Vittorio Emanuele II assume per sé e suoi successori il titolo di Re d’Italia»: così recitava la legge n. 4671 del Regno di Sardegna, lo Stato che si era reso protagonista di due Guerre d’Indipendenza e del sostegno non troppo velato alla spedizione dei Mille di Giuseppe Garibaldi. Con questo provvedimento legislativo nasceva il 17 marzo 1861 il Regno d’Italia, sul cui trono sedeva Vittorio Emanuele II Savoia: in quanto Re d’Italia avrebbe dovuto essere I, ma la scelta di conservare la numerazione dei sovrani della monarchia…

Condividi:
Leggi

Il Vescovo Santin nel Giardino dei Giusti di Padova

Fonte: https://www.anvgd.it/il-vescovo-santin-nel-giardino-dei-giusti-di-padova/ di Lorenzo Salimbeni – Se ne parlava già da alcuni anni, ma adesso la notizia è confermata ed ufficiale: Antonio Santin, Vescovo di Trieste e di Capodistria dal 1938 al 1975, sarà commemorato nel Giardino dei Giusti di Padova per l’impegno profuso a difesa degli ebrei nell’imperversare delle leggi razziali. La cerimonia è prevista per il prossimo 6 marzo. Era da poco passato da Vescovo di Fiume a titolare della Diocesi di San Giusto allorché proprio nel capoluogo giuliano Benito Mussolini proclamò le leggi razziali a margine di un…

Condividi:
Leggi

Il Treno del Ricordo a Bologna, per sanare l’umiliazione del “treno della vergogna”

Fonte https://www.anvgd.it/il-treno-del-ricordo-a-bologna-per-sanare-lumiliazione-del-treno-della-vergogna/ di Lorenzo Salimbeni La motonave Toscana ha scaricato ad Ancona il suo carico di esuli da Pola, con le poche masserizie al seguito. L’accoglienza dei portuali è tutt’altro che calorosa: nelle “rosse” Marche sono molti coloro i quali hanno devotamente letto sulle colonne de l’Unità l’articolo in cui, eccezion fatta per pochi profughi onesti, non si reputavano «aventi diritto ad asilo coloro che [giungevano] impauriti dall’alito di libertà che precedeva o coincideva con l’avanzata degli eserciti liberatori. Non meritano davvero solidarietà né hanno diritto a rubarci pane e spazio che…

Condividi:
Leggi

Egea Haffner, la bambina con la valigia, alla Casa del Ricordo

di Lorenzo Salimbeni – Fonte:  https://www.anvgd.it/egea-haffner-la-bambina-con-la-valigia-alla-casa-del-ricordo/ È una storia che comincia a Pola, passa per la Sardegna, prosegue ancora in Trentino ma adesso ha fatto tappa pure a Roma. È la storia di una bambina con la valigia che partì da Pola già nel 1946, prima che la strage di Vergarolla del 18 agosto ‘46 e le decisioni della Conferenza di Pace inducessero 30.000 polesani circa (su 32.00 abitanti del capoluogo istriano) ad abbandonare la città dell’Arena nel gelido inverno di inizio 1947. Eppure già si temevano certi sviluppi se sulla…

Condividi:
Leggi

Ebrei tra le due guerre in Istria e a Roma

di Lorenzo Salimbeni – fonte https://www.anvgd.it/ebrei-tra-le-due-guerre-in-istria-e-a-roma/ Per la prima volta un’istituzione della comunità ebraica in Italia ed un’associazione dell’Esodo giuliano-dalmata hanno collaborato alla realizzazione di un evento congiunto in cui si sono intrecciate nella storia del confine orientale tematiche attinenti alla Giornata della Memoria ed al Giorno del Ricordo. È stata la prestigiosa sede della Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea di Roma ad accogliere mercoledì 7 febbraio l’evento “Ebrei tra le due guerre. Casi di studio: aspetti della vita sociale, economica e culturale a Roma e nell’Istria” organizzato dal Comitato…

Condividi:
Leggi

Ricordi e approfondimenti su Esodo e Foibe per il Giorno del Ricordo alla Camera

di Lorenzo Salimbeni – fonte https://www.anvgd.it/ricordi-e-approfondimenti-su-esodo-e-foibe-per-il-giorno-del-ricordo-alla-camera/ Testimonianze dalla frontiera adriatica e l’anteprima del nuovo documentario realizzato da Rai Cultura per il Giorno del Ricordo 2024: così ha celebrato la Camera dei Deputati il 10 Febbraio. «Dobbiamo ricordare e riportare al cuore quegli avvenimenti affinchè non siano rimossi dalla nostra storia – ha affermato il Presidente della Camera Lorenzo Fontana aprendo l’evento che si è svolto alla Sala della Regina l’8 febbraio – e siano invece sempre di più parte della memoria collettiva degli italiani. È un dovere nei confronti della verità e…

Condividi:
Leggi

Fabio Filzi, martire irredentista simbolo del sacrificio degli Alpini

di Lorenzo Salimbeni (fonte: https://www.coordinamentoadriatico.it/fabio-filzi-martire-irredentista-simbolo-del-sacrificio-degli-alpini/) Ricorre oggi, 26 gennaio la Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini, in quanto in tale data nel 1943, durante la terribile ritirata sul fronte russo, avvenne la battaglia di Nikolajewka, nella quale il contributo degli alpini fu determinante per spezzare l’accerchiamento sovietico conseguente allo sfondamento del fronte sulla linea del fiume Don. Volendo ricordare il sacrificio degli Alpini, tuttavia, anche nella Prima Guerra Mondiale vi sono esempi illustri, riguardanti pure volontari irredenti provenienti dalla Venezia Giulia, da Fiume e dalla Dalmazia. Per costoro,…

Condividi:
Leggi

Cerimonia al Sacrario di Cargnacco per la Giornata nazionale degli Alpini

di Lorenzo Salimbeni (https://www.anvgd.it/cerimonia-al-sacrario-di-cargnacco-per-la-giornata-nazionale-degli-alpini/) Domenica 21 gennaio il Tempio nazionale della Madonna del Conforto, alla periferia di Udine, ha ospitato la cerimonia annuale in ricordo della battaglia di Nikolajewka, avvenuta il 26 gennaio 1943, data che è stata recentemente individuata come Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini che ricorre oggi. Tale complesso monumentale, infatti, è dedicato ai caduti della Campagna di Russia, iniziata nell’estate 1941 e catastroficamente conclusa nell’inverno 1942-’43 con lo sfondamento sovietico della linea del Don ed il Corpo d’Armata Alpino che si sacrificò per aprire la…

Condividi:
Leggi