Lecco, 14 marzo 2013

Pdl, il direttivo risponde: "Brambilla? Un generale senza esercito"

Piazza, Nava, Pasquini e Boscagli: "Illegittima la richiesta di dimissioni a Mauro Piazza e la sfiducia al direttivo. Chiediamo un congresso in tempi brevissimi"

A seguito delle notizie stampa apparse, Mauro Piazza, Daniele Nava, Giulio Boscagli, Antonio Pasquini e il Direttivo provinciale precisano quanto segue:

“Premesso che sono ritenute illegittime le dimissioni richieste a Mauro Piazza poiché non previste da statuto e regolamento, al punto che in merito è stato presentato regolare ricorso ai probiviri del partito; premesso che sono in corso le verifiche di legittimità del commissariamento, con i dovuti passaggi previsti dallo statuto negli organismi nazionali, passaggi di cui ad oggi non abbiamo riscontro; premesso che la ricostruzione dei fatti e delle vicende accorse mercoledì u.s. sono frutto di una fantasia di taluni, forse ancora sotto choc per il pessimo risultato elettorale personale, sottolineiamo che:

Nonostante, nei giorni scorsi con il senso di responsabilità che ci contraddistingue abbiamo presentato una proposta politica all’on. Brambilla, chiedendole di utilizzare il Direttivo democraticamente eletto e rappresentativo del PdL lecchese quale organo di governo collegiale, assieme al Vice Coordinatore eletto, in attesa di un congresso da celebrarsi a brevissimo (e che continuiamo a chiedere con forza), abbiamo ricevuto in cambio una riposta non pertinente, di carattere burocratico, che nulla aggiunge a quanto previsto da statuto. Ci rammarichiamo di questo, poiché la proposta era volta a tutelare l'attività svolta dal PDL Lecchese.

Infatti riteniamo difficile condurre e motivare un partito a livello locale senza l’appoggio di Presidente della Provincia, Consigliere regionale, Consiglieri provinciali, Assessori provinciali, Sindaci, Vice sindaci, Assessori comunali, Consiglieri comunali, Coordinatori cittadini: tutte persone che si riconosco e si riferiscono al Direttivo provinciale eletto dal congresso. Insomma, è difficile fare il generale senza l'esercito.

Se venisse disattesa questa semplice ed evidente realtà delle cose, si prefigurerebbe per il nostro PdL un periodo di grande divisione e difficoltà, cosa grave in un momento così delicato per il partito e per la situazione nazionale. Ci pare questa l’unico aspetto “devastante” emerso in queste ore. Nessuna sfiducia può giungere nei confronti del Direttivo provinciale, democraticamente eletto, poiché non esiste questo istituto. Così come nessuno può esautorarci dai ruoli che ricopriamo e in forza dei quali facciamo politica sul territorio e per il territorio.

Del resto, come testimoniano le preferenze ottenute da Mauro Piazza, la fiducia l'abbiamo avuta direttamente dagli elettori. Nessun legame infine vi è tra le questioni del PdL lecchese e le vicende relative al Consiglio e alla Giunta regionale. Anche questa volta, come sempre, riteniamo che siano il buon senso e il valore della democrazia il campo su cui vale la pena confrontarci. Di tutte queste nostre preoccupazioni abbiamo messo al corrente il Segretario Angelino Alfano e il Presidente Silvio Berlusconi. Detto questo, il Direttivo provinciale è convocato la prossima settimana per il proseguimento dei lavori.

Stiamo in particolare lavorando all'organizzazione della manifestazione che si terrà a Roma il 23 marzo in sostegno del Presidente Berlusconi, così come da accordi intercorsi con il sen. Mantovani, che Mauro Piazza ha avuto modo di sentire nella mattinata odierna in una telefonata avente per oggetto la soluzione della situazione lecchese del PdL."

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

30 Agosto 1963, in piena  Guerra fredda, entra in funzione il Telefono Rosso tra i capi di Stati Uniti ed Unione Sovietica.

ResegoneOnline Social

fb twitter youtube