Lecco, 16 dicembre 2019   |  

Zamperini aggredito in un bar: "Le tue azioni avranno conseguenze"

L'esponente di Fratelli d'Italia colpito da uno sputo e da un pugno. Il responsabile apparterrebbe agli anarchici.

WhatsApp Image 2019 12 16 at 18.58.15"Le tue azioni avranno delle conseguenze" e poi uno sputo in faccia e un colpo in volto. Questo quanto successo a Giacomo Zamperini, già consigliere comunale e ora dirigente regionale di Fratelli d'Italia, questo pomeriggio in un bar del centro.

A raccontare quanto accaduto è lo stesso Zamperini, al momento in Pronto Soccorso: "Mi trovavo in un bar per un caffè e stavo parlando del Natale, nessun discorso politico, quando questo ragazzo mi ha chiesto se ero Zamperini. Alla mia risposta affermativa mi ha detto "Le tue azioni avranno delle conseguenze" e poi uno sputo in faccia e un colpo in volto. Ci siamo azzuffati a terra e poi è stato allontanato dal gestore del locale".

Zamperini, che se la caverà con qualche graffio, ha avvisato la DIgos a cui ha riferito il numero di targa. L'aggressore sarebbe uno dei refetenti degli anarchici di Lecco.

"Un fatto gravissimo - continua Zamperini - anche perché il ragazzo che mi ha aggredito era lucido. Se pensano di indimidirci e tapparci la bocca sbagliano. Saremo ancora più determinati nella nostra azione politica. Non riusciranno a trascinarci in un clima d'odio, saremo sempre rispettosi delle regole e dei metodi di confronto civili e democratici come siamo sempe stati. Non possiamo vivere una campagna elettorale con questi episodi, tutti dobbiamo impegnarci per ristabilire un clima sereno".

Zamperini si dice anche disposto a ritirare la denuncia: "In presenza di scuse e di un impegno da parte di questo gruppo anarchico a far sì che fatti del genere non accadano più, nel rispetto delle opinioni di tutti. Non è possibile essere aggrediti per opinioni differenti".

 Anche Giorgia Meloni ha fatto giungere a Giacomo Zamperini la propria solidarietà. Filippo Boscagli ha portato il fatto all'attenzione del Consiglio comunale.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

16 Agosto 1924 il cadavere di Giacomo Matteotti, rapito e ucciso da squadristi fascisti nel giugno dello stesso anno, viene ritrovato in un bosco a Riano (Roma)

Social

newTwitter newYouTube newFB