Lecco, 16 settembre 2019   |  

Ville Aperte: 7000 visitatori per il primo week end di apertura

Più di 8000 le prenotazioni per le prossime date

Varenna Villa Monastero

Sono la Reggia di Monza e il Rossini Arts site a Briosco i beni più visitati nella provincia MB durante il primo week end di Ville Aperte 2019 rispettivamente con 965 e 242 visitatori. Seguono la Fornace Riva (200) a Briosco e Palazzo Arese Borromeo a Cesano Maderno.

Buona affluenza di bambini per il primo spettacolo nell’ambito della Call for Artist L.E.O e i Bambini, leggere, esprimere, osservare, promossa dalla Provincia di Monza e Brianza per proporre spettacoli e performance artistiche dedicate a “Leonardo, l’acqua e la Brianza”. Hanno partecipato più di 100 bambini tra il laboratorio Le Officine di Leonardo tra arte e scienza a cura dell’ente Artebambini a Vimercate e le letture animate ad alta voce di favole e racconti a cura dell’Associazione Lerbavoglio a Villasanta.

Nel complesso sono 7000 i visitatori che hanno inaugurato l’edizione 2019 di Ville Aperte registrando un dato in linea con la edizione record dello scorso anno. Sono già arrivate 8.300 prenotazioni per le prossime aperture.

Si segnala ancora disponibilità di posti per i Laboratori H20 che si terranno giovedì 19 settembre presso Villa Reati a Lissone e venerdì 20 settembre presso Villa Crivelli Pusterla a Limbiate loc. Mombello. Si tratta di una delle tante novità dell’edizione 2019 in linea con il tema della manifestazione: i laboratori sono promossi da Brianzacque che partecipa per la prima volta proponendo laboratori e attività per i più piccoli…rigorosamente a tema H2O a cura dei chimici del laboratorio di analisi. Esperimenti, divertimento e una performance del cantautore Pier Cortese - Little Pier: i bambini potranno giocare e imparare che l’acqua è la forza che guida la natura.

Oltre 2000 persone hanno visitato gli 11 siti aperti nella Provincia di Monza e Brianza. Come sempre grande interesse per la Reggia di Monza con 965 persone iscritte alla visita guidata al Primo Piano Nobile della Villa. Successo di presenze a Briosco, con oltre 400 persone che hanno visitato la ricca collezione di arte moderna e contemporanea del Rossini Art Site e che hanno potuto scoprire l’antica arte di produzione del cotto lombardo alla Fornace Riva.
Inoltre, a Cesano Maderno, le sale riccamente affrescate di Palazzo Arese Borromeo e di Palazzo Arese Janici – per la prima volta aperto in occasione di Ville Aperte- sono state apprezzate da oltre 300 persone.

Grande interesse per i 4 siti aperti nel territorio della Città Metropolitana di Milano con più 1900 persone. Villa Litta a Lainate, con le sale affrescate del ‘500 e del ‘700, i giardini all’Italiana e il ninfeo, con decorazioni e giochi d’acqua, ha affascinato oltre 1300 persone e la piccola Versailles di Milano, Villa Arconati-Far a Bollate, è stata visitata da più di 400 persone.

La Provincia di Lecco questo primo fine settimana ha coinvolto 19 siti appassionando quasi 2400 persone. Il sito più visitato come di consueto è stata Villa Monastero, a Varenna, che ha raggiunto il numero record di 795 presenze nella sola giornata di domenica. Apprezzate dal pubblico anche le 3 novità proposte dalla Provincia di Lecco per la 17° edizione di Ville aperte, l’Orrido di Bellano, Villa Marzorati Uva a Missaglia e il Convento di Sabbioncello a Merate che nel complesso hanno attirato ben 534 visitatori. Sempre a Merate Villa Confalonieri ha coinvolto 176 visitatori e a Civate, l’affascinante Complesso Romanico di San Pietro al Monte è stato visitato da quasi 300 persone.

360 persone infine, hanno visitato i 7 siti aperti nel territorio di Como. Le tre novità di questa edizione aperte durante il week-end, Villa Passalacqua Trotti a Mariano Comense e i Mulini, l’ecofrazione e l’Oasi di Baggero, a Merone, hanno coinvolto nel complesso oltre 80 visitatori.
Apprezzati anche gli altri siti aperti, come Villa Guaita e Casa Metlicovizt a Ponte Lambro e Villa Imbonati a San Fermo della Battaglia.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Gennaio 1564 il Concilio di Trento pubblica le sue conclusioni nel Catechismo Tridentino, stabilendo una distinzione tra cattolicesimo e protestantesimo

Social

newTwitter newYouTube newFB