Lecco, 16 maggio 2018   |  

Treni e Sicurezza, vertice a Lecco: guardie giurate e telecamere

Allo studio anche un patto locale di sicurezza urbana dedicato al fenomeno

incontro sicurezza

Tavolo di confronto ieri in Prefettura sul tema della sicurezza ferroviaria. Convocati dal prefetto Liliana Baccari i vertici delle forze di polizia, la Polfer, l'assessore regionale ai trasporti Claudia Maria Terzi, l'assessore Riccardo de Corato e la società Trenord e la società Rfi per individuare ulteriori misure per garantire la sicurezza degli utenti nelle stazioni e a bordo dei treni dopo gli ultimi episodi.

L'amministratore delegato di Trenord Cinzia Farisé ha così illustrato le iniziative allo studio nel medio e lungo termine: come la presenza di guardie giurate sui teni, dispositivi di registrazione come telecamere portatili a disposizione del personale di bordo, applicazioni per la richiesta di intervento.

Rfi ha invece reso noto che sono stati avviati progetti per dotare le stazioni di sistemi di difesa passivi e completare i sistemi di videosorveglianza.

Regione Lombardia ha invece condiviso con il Prefetto la possibilità di dar vita a un patto locale di sicurezza urbana dedicato al fenomeno della sicurezza nelle stazioni e a bordo dei treni avviando una sperimentazione a partire dalle stazioni e dalle tratte che evidenziano le maggiori criticità.

"La sicurezza sui treni, dei passeggeri come del personale, resta la priorità di Regione Lombardia" ha dichiarato Terzi, la titolare della delega ai Trasporti in giunta regionale. "Occorre invertire la rotta e potenziare le misure di controllo - ha continuato - fermo restando che esiste un problema di impunità
legato alle leggi in materia e alle loro effettive applicazioni. Ci impegniamo a sollecitare Fnm - ha rimarcato - affinché ponga con forza la questione al management di Trenord".

"I 'Patti locali di sicurezza urbana' rappresentano una sperimentazione che partira' dalle stazioni e dalle tratte che evidenziano le maggiori criticita' - ha spiegato De Corato, l'assessore regionale alla Sicurezza - su cui ancora occorre definire nel dettaglio modalita', tempi e comuni interessati al finanziamento.
Il percorso, appena cominciato, prevede una implementazione del servizio di polizia locale fuori dalle stazioni, un incremento della sicurezza all'interno e sulle banchine, il contrasto al bivacco nei pressi esterni".

"Regione Lombardia, in collaborazione con le forze dell'ordine, RFI, Trenord, Comuni e Polizia Locale - ha aggiunto l'assessore - ritiene che questo progetto rappresentera' uno strumento fondamentale di contrasto alla violenza, grazie anche alla regia prefettizia che vigilera' sull'intero processo".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Settembre 1783 i fratelli Montgolfier presentano l'aerostato detto "ad aria calda" che viene innalzato alla presenza del re Luigi XVI, nei giardini di Versailles. L'aerostato prende poi il nome di mongolfiera.

 

Social

newTwitter newYouTube newFB