Lecco, 07 novembre 2018   |  

Uil Lecco: meno occupazione per l'industria, su i servizi

Frena l'apprendistato e resta il problema del precariato: infatti sono previste assunzioni a tempo indeterminato solo nel 28% dei casi.

Monteduro Salvatore Uil

Non giungono segnali positivi dalle proiezioni occupazionali nella provincia di Lecco per il trimestre ottobre-dicembre 2018. Infatti i dati Unioncamere evidenziano una riduzione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno di una trentina di domande di lavoro delle imprese.

A livello regionale si prevede un salto positivo con un aumento di 22.660 unità, di cui circa 5mila nell'industria e oltre 17mila nei servizi. Nella nostra provincia situazione occupazionale pressoché stazionaria: -50 unità per l'industria e +20 per i servizi. Complessivamente a Lecco si scende da 4510 a 4480 nuovi lavoratori previsti in entrata.

Ancora una volta i dati confermano che il contratto a tempo determinato è quello maggiormente prediletto dalle aziende: a Lecco sono previste assunzioni al 28% con contratti a tempo indeterminato, al 62% a tempo determinato, al 6% di apprendistato, al 3% di altri contratti. Si ricorre al contratto a tempo indeterminato il 7% in più rispetto alla scorso anno.

È il settore dei servizi è quello nel quale a Lecco si manifestano maggiori assunzioni a tempo indeterminato con il 38%. Nel settore industriale invece il dato è del 33%

Le figure professionali più ricercate in valore assoluto nel mese di ottobre 2018 in Provincia di Lecco sono operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche (280 unità).

“Ancora una volta – commenta Salvatore Monteduro, segretario generale della Uil Lecco - i dati sulla domanda di lavoro delle imprese evidenziano una situazione occupazionale oscillante, specialmente nel settore dell’industria, mentre, è positivo e più saldo l’andamento nel settore dei servizi. Non si attenua invece il problema legato all’aumento dei rapporti di lavoro di tipo precario. Inoltre, un altro elemento negativo riguarda la frenata dei contratti di apprendistato”.

A Lecco il 9% di assunzioni sono previste con contratto di apprendistato nel 2018, in calo del 9% rispetto allo stesso periodo dell’anno 2017.

“Con la fine del mese di ottobre – conclude Monteduro - è terminata la fase transitoria della piena applicazione dell’entrata in vigore delle norme previste dal Decreto Dignità in materia di contratti di lavoro a tempo determinato, occorrerà monitorare nel prossimo trimestre (novembre- gennaio) se ci saranno gli effetti positivi sperati, cioè, di un maggior utilizzo del contratto a tempo indeterminato e che non ci sia un arresto dell’occupazione complessiva, per il momento non si registra nessun segnale positivo in ambito di contratti a tempo indeterminato”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Novembre 1903 il Partito Social Democratico dei Lavoratori Russo si scinde in due gruppi; i Bolscevichi (che in russo significa "maggioranza") e i Menscevichi ("minoranza")

Social

newTwitter newYouTube newFB