Lecco, 19 maggio 2017   |  

Sindaco Brivio: Oggi più che mai, democrazia è partecipazione!

"Negli incontri del Mercoledì del cittadino in tour la partecipazione è stata attiva, critica, propositiva e soprattutto non si è esaurita nell’arco di una sera".

brivio virginio fascia 2017

Pubblichiamo l'intervento del sindaco di Lecco Virginio Brivio, apparso oggi nella sua newsletter, con cui traccia un bilancio della prima fase degli incontri organizzati nei quartieri coi cittadini.

Si sa che uno dei temi più caldi di questa stagione politica è, ad ogni latitudine, quello della partecipazione. Si parte dall’affluenza alle urne anche fuori dai nostri confini, per arrivare, per esempio, alle primarie dei partiti. Dove ciascuno si regola come crede, però a dirla tutta, nessuna forza è in grado di mobilitare quasi due milioni di cittadini come il PD.

Torno però più modestamente alle cose di casa nostra, per un doveroso rapporto sui “Mercoledì del cittadino in tour” nei quartieri che hanno una chiara impronta civico-amministrativa.

Lo scorso mercoledì si è svolta la quarta tappa a Lecco Centro, che chiude il primo ciclo di incontri (torneremo dal 13 settembre con Rancio/Laorca, San Giovanni/Bonacina, Viale Turati/Santo Stefano/Castello, Belledo/Germanedo/Caleotto) e registro con soddisfazione che di sicuro, al di là dei numeri, la partecipazione è stata attiva, critica, propositiva e soprattutto non si è esaurita nell’arco di una sera. Ciò significa che si lavorerà in collaborazione con i cittadini di ogni rione e, per me, il potersi guardare in faccia, conoscersi e riconoscersi, resta un valore umano ancor prima che politico. Certamente in uno stretto paragone numerico, in tempi lontani si registravano pienoni, ma era il tempo nel quale i partiti storici avevano una sezione in ogni quartiere e, quasi ovunque, vivevano due credi, quello “cattolico” e quello “laico”.

Altri tempi, anche perché oggi c’è chi preferisce la via dei social e confesso che non mi sarebbe dispiaciuto incontrare “de visu” qualche “attentatore” di professione, quelli armati di tastiera per intenderci.

Per completare il quadro si deve tener conto che questi nuovi appuntamenti sono solo lo specchio di un ben più ampio ventaglio, rappresentato dalle molteplici occasioni di incontro, più o meno istituzionali (penso tra gli altri a quelli sulla viabilità, sulle opere pubbliche e le manutenzioni dei beni pubblici, alle iniziative sui “beni comuni” e la cultura, al sociale…).

Va poi tenuto conto della modalità degli strumenti utilizzati in questo tour, gruppi tematici di approfondimento mirati non a un generico e velleitario scambio di opinioni, bensì finalizzati a trovare soluzioni ai molteplici problemi che toccano da vicino i quartieri.

La mia non vuole essere una memoria difensiva né tantomeno una medaglietta da appendere al petto, ma semplicemente un resoconto sul quale impostare nel metodo e nei contenuti il nostro rapporto con la città, perché è vero che i cittadini guardano ai tombini, alle opere, all’efficienza degli uffici nelle piccole cose, alla capacità progettuale, alla volontà e alla capacità dell’amministrazione di incidere sulla qualità della vita dei lecchesi; ma solo una ritrovata relazione di fiducia reciproca può essere la benzina per alimentare quel motore che a me piace ancora chiamare democrazia.

Virginio Brivio

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Settembre 1956 è inaugurato il primo cavo sottomarino transatlantico, tra Scozia e Terranova.

Social

newTwitter newYouTube newFB