Lecco, 12 febbraio 2019   |  

Si è spento il ragno Romano Perego, scalò Mc Kinley ed Eiger

Nato a Pagnano, una frazione di Merate, nel 1934 era amatissimo da tutto il mondo della montagna

Il mondo della montagna piange Romano Perego, alpinista classe 1934 e Ragno di Lecco.

Nato a Pagnano, una frazione di Merate er il quarto di sei fratelli, Angelo, Adele, Federico e, dopo di lui, Giuseppina e Franco. Nel 1953 consegue il diploma di perito meccanico, trova lavoro a Milano presso una ditta di apparecchiature elettroniche. Tra i suoi interessi giovanili la musica lirica.

Tra le imprese alpinistiche di maggior rilievo di Perego c'è senz'altro la prima italiana alla Nord dell'Eiger realizzata nell'Agosto 1962 insieme a Andrea Melliano, Gildo Airoldi, Armando Aste, Franco Solina e Pierlorenzo Acquistapace. L'anno precedente ha preso parte con i Ragni di Lecco alla spedizione guidata da Riccardo Cassin alla Sud del Mc Kinley. Nel 1963 Perego conquista anche la Nord del Cervino e nel 1964 la via Cassin sulla Nord alla Grandes Jorasses.

L'ex presidente dei Ragni Fabio Palma, qualche anno fa scriveva così di Romano: "è uno dei più grandi ragni di tutti i tempi, affermazione a prova di critica. Come Annibale Zucchi, per esempio. Di Romano dicono che fosse uno di pochissime parole, che andava come un treno, con cui era impossibile trovarsi male. L’ultima descrizione la si verifica subito, ci parli insieme e ti trovi proprio bene. La penultima…beh, basta dare un’occhiata al curriculum! Decisivo al Mc Kinley, nel 1963 ha già all’attivo le Nord del Cervino, Grand Jorasses ed Eiger, primo italiano con Mellano.

E poi va in Afghanistan a salire una cima isolatissima (vera avventura, quella), sempre insieme ad Andrea Mellano, che fra l’altro, per averlo conosciuto in una serata, è proprio come Romano: buono e simpatico. Rimaneva da commentare il fatto che fosse di poche parole: beh, certo non ora. Gli occhi gli si illuminano quando parla di montagna, e parla con un sacco di entusiasmo. La moglie mi dice, sapesse quanto è disordinato…si ricorda solo le cose di montagna".

Funerale domani, mercoledì 14 febbraio, alle 14,30 presso la chiesa parrocchiale di Calco.

(Video realizzati da Modisca (MOntagne di SCAtti), database di proprietà della Comunità Montana Lario Orientale e Valle San Martino in cui è custodito un patrimonio di foto, documenti, filmati e interviste sulla montagna lombarda e i suoi protagonisti. Il patrimonio attualmente acquisito è di circa 25.000 foto, 30 filmati storici, 12.000 scansioni da riviste e libri storici, 20 interviste filmate a personaggi dell'alpinismo lombardo, basi di dati e 500 pagine di cronaca alpinistica. Sito di riferimento: http://www.modisca.it)

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Settembre 1499 con il trattato di Basilea la vecchia Confederazione, che ha dato origine alla Svizzera, diventa uno stato indipendente.

Social

newTwitter newYouTube newFB