Lecco, 13 febbraio 2018   |  

“Senza semplificazioni gli investimenti pubblici non si traducono in cantieri”

Piazza (Ance): “L’indagine sottolinea come il settore sia calato ancora nell’ultimo biennio"

sergio piazza ance costruttori

“Non è sufficiente che lo Stato torni ad investire nelle infrastrutture. Occorre che, a valle, tali maggiori investimenti si traducano in cantieri. Ed è qui che scontiamo il grave tarlo della burocrazia e della farraginosità dei procedimenti amministrativi che regolano in Italia il nostro settore”.

Così il presidente di ANCE Lecco Sondrio, Sergio Piazza, commenta i dati presentati da ANCE e CRESME sull’andamento degli investimenti in opere pubbliche nel nostro Paese. Dati che fanno emergere come, a fronte di un aumento a partire dal 2016 di risorse statali annue del 40% in infrastrutture per finanziare programmi di investimento pluriennale di 140 miliardi di Euro, purtroppo in grandissima parte tali risorse non si sono tradotte in cantieri.

“L’indagine di ANCE sottolinea come il settore sia calato ancora nell’ultimo biennio, con una flessione del 4,5% nel 2016; CRESME, da parte sua, stima la flessione del 2,6% nel 2016 e dell’1,5% nel 2017. – continua Piazza – Complessivamente dal 2005 gli investimenti sono crollati del 55%. Gli stessi investimenti dei Comuni, quasi dimezzatisi nel periodo 2009-2014, dopo essere cresciuti del 16% nel 2015 sono tornati a scendere del 13,5% nel 2016 e del 7% del 2017. Il problema sono i tempi lunghi della burocrazia e dei processi amministrativi che portano alla cantierizzazione di un’opera, ma lo stesso Codice degli appalti è un freno reale anche a quelle stazioni appaltanti che vorrebbero operare”.

A pagarne le conseguenze, non è solo il settore delle costruzioni: “Certo, le nostre imprese sono quelle che pagano il conto più salato. – conclude Piazza – Del resto, ogni miliardo di Euro speso in costruzioni determina 15 mila posti di lavoro, con una quasi totalità degli acquisti ‘made in Italy’. Ma è tutto il Paese a soffrirne: scuole, edilizia pubblica, ferrovie, strade e difesa del suolo continuano a restare al palo, accumulando gap sempre più elevati con altri sistemi-Paese. Superare questa situazione è la sfida che attende chi ci governerà nei prossimi anni”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Febbraio 1848  Karl Marx e Friedrich Engels pubblicano il Manifesto del Partito Comunista

Social

newTwitter newYouTube newFB