Lecco, 29 agosto 2017   |  

Quante facce giovani tra gli alpeggiatori della Valsassina

Domenica scorsa a Primaluna un evento dedicato alle loro produzioni.

DSCN0728

Domenica scorsa, presso l'agriturismo Trote Blu di Primaluna, si è tenuto il “Festival dei formaggi d'alpeggio", evento di chiusura della rassegna "Il Festival dei formaggi d'autore".

Un appuntamento, quello di domenica, dedicato interamenti agli alpigiani e ai casari per presentare i propri prodotti e raccontare uno stile di vita molto duro, ma di grande soddisfazione.

«Abbiamo voluto rendere il giusto merito anche alle aziende agricole e agli alpeggi, attori fondamentali della nostra filiera. - spiega Giacomo Camozzini, ideatore del progetto – Lo abbiamo fatto facendo presentare direttamente ai casari le sette tipologie di formaggio caratteristici del nostri alpeggi. Ciascuno ha la propria specificità dovuta alle lavorazioni utilizzate, a differenti esperienze maturate e al tipo di foraggio presente negli alpeggi a cui si devono colorazioni e sapori unici. Questa è la nostra tradizione che continua da centinaia di anni e deve continuare con questa qualità, mantenendo viva una realtà fondamentale per la manutenzione e la promozione del nostro territorio e delle sue peculiari attività economiche».

Non è sfuggita la presenza di molti giovani tra gli alpigiani presenti: «Sono molto soddisfatto - continua Camozzini - perché ho visto tra i diversi alpigiani una grande serenità, disponibilità e voglia di collaborare. Ho visto soprattutto facce giovani: questo è il più grande stimolo a continuare con queste iniziative».

Sette le produzioni presentate: quartirolo di Monte (Monti di Pasturo), stracchino quadro (Alpe Biandino - Introbio), strachitunt (Alpeggi di Artavaggio – Moggio e Vedeseta), formaggi di capra (Alpe Dolcigo – Crandola Valsassina), grasso d'alpe (Alpe Piani di Bobbio - Brzio), semigrasso d'alpe (Alpe Pian delle Betulle – Margno; Alpe Ortighera – Crandola Valsassina) e bitto (Alpe Varrone – Premana).

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

28 Gennaio 1982 il generale statunitense James Lee Dozier viene liberato da unità dell'antiterrorismo italiano dopo 42 giorni di prigionia nelle mani delle Brigate Rosse

 

Social

newTwitter newYouTube newFB