Lecco, 05 luglio 2018   |  

Progetto volontariato migranti: "Per una reale integrazione"

Un centinaio sono i ragazzi ospiti che hanno già manifestato la loro volontà di partecipare

CroppedImage720439-migranti-pulizia-lungolago-28

Una delle iniziative di valorizzazione del bene comune che in passato aveva coinvolto i migranti ospitati a Lecco

A partire dal mese di luglio e fino al mese di settembre, in via sperimentale e su base volontaria, le persone migranti ospitate nelle diverse strutture del territorio provinciale di Lecco effettueranno delle attività di varia natura, che riguarderanno diversi ambiti della vita cittadina, sia sul fronte delle manutenzioni, sia su quello culturale.

Un progetto che nasce nel segno dell’aver cura della città come bene comune e con l’obiettivo di rafforzare una reale azione di integrazione nella comunità che accoglie.

Un centinaio sono i ragazzi che hanno già manifestato la loro volontà di partecipare; in alcuni casi l’iniziativa è partita proprio da loro.

Il progetto, nasce dalla collaborazione tra il Comune di Lecco, l’Associazione Lezioni al Campo e gli enti gestori delle strutture ospitanti ed è caratterizzato sin dall’inizio dalla forte interazione e collaborazione tra gli Assessori Riccardo Mariani, alle politiche sociali, Simona Piazza, alla cultura e alle politiche giovanili e Corrado Valsecchi, alle opere pubbliche e patrimonio, manutenzioni e decoro urbano, per la natura degli interventi programmati.

Riccardo Mariani, Assessore alle politiche sociali del Comune di Lecco, commenta: “Si tratta di un'iniziativa che prende le mosse dal protocollo siglato con la Prefettura e finalizzato ad attivare forme di volontariato delle persone migranti. Il Comune si è mosso quindi in questo quadro per coinvolgere pienamente gli enti gestori e le persone migranti in attività a beneficio della comunità che li ospita, attività che al contempo consentano un’ effettiva integrazione nel segno di una buona reciprocità. Credo che questa iniziativa faccia bene a tutti e restituisca un'idea di comunità acco gliente e solidale, anche facendo delle cose insieme” .

Corrado Valsecchi, Assessore alle opere pubbliche e patrimonio, manutenzioni e decoro urbano, commenta: “Sono stato molto colpito e contento quando diversi ragazzi e ragazze dei campi di accoglienza hanno manifestato il loro interesse a contribuire e sostenere con attività operative e di volontariato iniziative di salvaguardia e decoro del patrimonio comunale. A maggior ragione quando hanno chiesto di poter svolgere questa encomiabile attività con la partecipazione attiva anche dei cittadini autoctoni. Questa iniziativa ha un grande valore sociale perché vuole essere inclusiva e finalizzata alla salvaguardia del bene comune che è uno dei capisal di della nostra amministrazione. Inizieremo con interventi di valorizzazione dello Stadio Comunale "Rigamonti - Ceppi " per poi procedere, attraverso la pianificazione delle attività predisposte dal settore lavori pubblici, manutenzioni e decoro urbano. Un ringraziamento particolare va al sodalizio di "Lezioni al Campo " per la funzione di raccordo avuta, e a tutti coloro che con spirito di collaborazione stanno rendendo possibile una utile e dinamica esperienza di cittadinanza attiva".

Simona Piazza, Assessore alla cultura e alle attività giovanili: “L’azione condivisa ormai da tempo con l’assessore Riccardo Mariani di inserire in qualità di volontari, i ragazzi e le ragazze migranti in attività legate ai momenti culturali programmati in città è il risultato di una volontà politica che punta a valorizzare le persone e le competenze di cui esse sono portatrici, nonché a renderle parte attiva e integrante di una comunità che si possa definire veramente coesa.
Queste ragazze e questi ragazzi avvieranno nei prossimi mesi dei percorsi di formazione e affiancamento dei volontari che già operano all’interno degli istituti culturali cittadini e collaboreranno attivamente alla costruzione di una città sempre più orientata a offrire nuovi spunti e attrazioni ai suoi visitatori.
Sarà per questi giovani un’occasione per mettere a frutt o non solo le loro competenze trasversali, ma anche le loro conoscenze linguistiche , nonché un’opportunità per migliorare la loro integrazione nel tessuto sociale lecchese, che come si sa , passa anche e soprattutto attraverso la conoscenza del territorio e la cittadinanza attiva ” .

A spiegare l'importanza del progetto, anche a nome dei richiedenti asilo, è Bamba Adama: "A nome di un gruppo di amici, anche loro richiedenti asilo, vorrei innanzitutto esprimere il nostro ringraziamento agli assessori Valsecchi, Mariani e Piazza, al Comune di Lecco, all’associazione Lezioni al campo e alle varie cooperative per averci dato l’opportunità di esprimerci oggi e aver raccolto la nostra proposta. Vogliamo parlare del nostro desiderio di integrazione e appartenenza alla comunità della città di Lecco e provincia, che sono la nostra terra d’asilo.

Noi, come immigrati, possiamo e vogliamo fare cose straordinarie. Abbiamo la volontà di farle, quindi chiediamo alla cittadinanza di fidarsi di noi. Contrariamente a quanto a volte si pensa, siamo persone aperte, che hanno voglia di fare, di lavorare, di imparare, di metterci al servizio della comunità gratuitamente su progetti concordati con l’amministrazione comunale. Siamo persone che cercano di fare cose buone e buone azioni. Non siamo persone negative, ma piuttosto persone positive alla ricerca di un futuro migliore.

Questa idea di collaborazione con la città di Lecco, che oggi presentiamo, è nata alcuni mesi fa, dopo diversi giorni di riflessione con alcuni amici. L’obiettivo di questa iniziativa di volontariato sarà quello di mostrare la nostra parte attiva e costruttiva, per cui coordinandoci con l’associazione di volontariato Lezioni al campo e l’amministrazione comunale, siamo riusciti a organizzare questa attività di utilità pubblica e sociale per la nostra comunità".

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Novembre 1877  Thomas Edison annuncia l'invenzione del fonografo, un apparecchio che può registrare suoni. Questa invenzione permetterà poi l'utilizzo di apparecchi per la riproduzione del suono.

Social

newTwitter newYouTube newFB