Lecco, 17 aprile 2019   |  

Prima seduta per il nuovo Consiglio provinciale di Lecco

di Stefano Scaccabarozzi

Ben 11 dei 12 nuovi consiglieri sono espressione delle larghissime intese Pd-Lega-Centrodesta.

consiglio provinciale 2019 2021

Si è insediato il nuovo Consiglio provinciale di Lecco che per i prossimi due anni affiancherà il presidente Claudio Usuelli.

Ben 11 dei 12 nuovi consiglieri sono espressione delle larghissime intese Pd-Lega-Centrodesta che hanno portato, nello scorso mese di ottobre, il sindaco di Nibionno Usuelli alla carica di presidente provinciale. Il dodicesimo consigliere è invece stato eletto dalla lista di sinistra Democrazia è Partecipazione

DSCN2766Confermate le linee di indirizzo: «Il mio mandato – ha sottolineato – affonda le sue radici in una condivisione territoriale e collegiale che intendo portare avanti nell'interesse preminente ed esclusivo dei cittadini. Intendiamo garantire il sistema dei servizi costruiti nei 30 anni di vita di questa Provincia. Daremo particolare attenzione alla manutenzione di strade ed edifici scolastici che presentano una situazione di degrado e che per troppi anni non sono stati oggetti di importanti interventi».

Usuelli ha confermato la strada da percorrere anche sull'annosa questione della Lecco-Bergamo, ormai ferma da molti anni: «I lavori per la riqualificazione dell'area di cantiere di Chiuso termineranno entro la fine di maggio; siamo in attesa del decreto del presidente del Consiglio dei ministri per il passaggio di competenza dell'opera ad Anas che si dovrà poi occupare della progettazione e della realizzazione dell'opera».

consiglio provinciale 2019 banchi

Nel nuovo Consiglio provinciale sono cinque i rappresentanti Dem: il sindaco di Missaglia Bruno Crippa, il sindaco di Olginate Marco Passoni, l'assessore di Osnago Felice Rocca, il consigliere di Lecco Agnese Massaro e il consigliere comunale di Bellano Giuseppe Scaccabarozzi. «Dobbiamo concentrarci – ha evidenziato Crippa a nome del gruppo Pd – soprattutto sugli investimenti sulla viabilità e sulle scuole, oltre che nell'erogazione dei servizi ai Comuni. Purtroppo come ente rimarremo ancora in mezzo al guado per diverso tempo, perché non sembra essere alla viste una nuova riforma delle Province».

gruppo pd provincia 2019

Confermati i consiglieri provinciali uscenti in quota Lega: Stefano Simonetti (Valgreghentino e assessore a Ballabio) ed Elena Zambetti (Ello).«L'opera – ha spiegato il Carroccio - che sta facendo Regione Lombardia nel finanziare servizi e interventi è davvero fondamentale e va riconosciuta. Noi dovremo farci trovare pronti a dialogare con Anas per future opere indispensabili come una variante alla Monte Piazzo o sulla pianificazione di nuove grandi infrastrutture. Inoltre mi auguro che venga ridata ai cittadini la possibilità di votare le Province, affinché non ci siano più situazioni in cui un partito che veleggia sopra il 30% come la Lega si ritrovi solo con due seggi».

Sulla Lecco-Bergamo Simonetti ha invitato Usuelli a non abbassare la guardia, ma anzi di tenersi pronto con un piano B per completare l'opera nel caso il passaggio ad Anas non si concretizzi.

zambetti simonetti lega provincia 2019

La lista di centrodestra Libertà e Autonomia, sostenuta da Forza Italia e Fratelli d'Italia, ha conquistato 4 seggi: Mattia Micheli (Abbadia), Matteo Manzoni (Sindaco di Crandola), Irene Alfaroli (Assessore a Bellano) e Fiorenza Albani (Merate). «La Provincia – ha sottolineato Micheli - nell'ultimo biennio ha dovuto affrontare un mandato difficile, dovendo affrontare situazioni complicate senza le necessarie risorse. Oggi c'è qualche schiarita all'orizzonte e dovremo rendere questo ente davvero la Casa dei Comuni».

gruppo liberta autonomia 2019

La lista di sinistra Democrazia è Partecipazione ha invece eletto il sindaco di Dolzago Paolo Lanfranchi: «Non avrò un atteggiamento del sempre contro a prescindere, ma del buon senso necessario alla situazione in cui ci troviamo. Dobbiamo tenere quanto di buono è stato fatto nel corso degli anni, prima di pensare a nuove imprese faraoniche. Anche per il mio gruppo è necessario tornare a dare la parola, con il voto, ai cittadini nelle elezioni provinciali».

Cinque dei dodici consiglieri provinciali dovranno però confermare il proprio seggio nella tornata elettorale amministrativa del mese prossimo, infatti se non saranno rieletti nel proprio Consiglio provinciali decadranno anche dalla carica di consiglieri provinciali. Si tratta di Felice Rocca, Stefano Simonetti, Fiorenza Albani, Mattia Micheli e Paolo Lanfranchi.

lanfranchi dolzago

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Agosto 1991 la Lettonia dichiara l'indipendenza dall'Unione Sovietica

Social

newTwitter newYouTube newFB