Lecco, 13 febbraio 2018   |  

Poggioni recita "Apologia, processo a Socrate"

Giovedì 22 febbraio alle ore 21 nell’Aula Magna del Liceo “A. Manzoni” di via XI Febbraio 8 a Lecco

immagine Poggioni

La Delegazione di Lecco dell'Associazione Italiana di Cultura Classica organizza una serata di teatro di alta qualità e sicuro interesse. Giovedì 22 febbraio (alle ore 21 nell’Aula Magna del Liceo “A. Manzoni” di via XI Febbraio 8 a Lecco) sarà messa in scena la “APOLOGIA, processo a Socrate” con la regia e l’interpretazione di Christian Poggioni.

L'evento cui si riferisce l'Apologia è l’autodifesa che Socrate pronunciò davanti ai giudici di Atene nel 399 a.C.; Platone ne fu testimone oculare. Socrate, vittima di una congiura politica, è accusato di essere empio e di corrompere i giovani. Per questo è condannato a morte. La “Apologia”, inclusa per tradizione nei dialoghi platonici, celebra la grandezza umana e morale di Socrate. La riduzione drammaturgica di Christian Poggioni rispetta l’originalità del testo e la sua rappresentazione scenica mira ad una comunicazione immediata e coinvolgente.

L'attore si è diplomato in recitazione con Giorgio Strehler alla prestigiosa Scuola del Piccolo Teatro di Milano; si è laureato presso l’Università Statale di Milano e ha frequentato un master in regia a Los Angeles. Ha rivestito ruoli di rilievo in spettacoli diretti da registi di fama internazionale, prendendo parte a tournée nazionali ed europee. È stato assistente alla regia e ha recitato in produzioni televisive e cinematografiche. Ha diretto e interpretato molti importanti spettacoli teatrali ed è inoltre maestro di recitazione presso la Scuola di Alta Formazione dell’Università Cattolica di Milano.

Si anticipa fin da ora che venerdì 2 marzo (sempre alle ore 21 nella stessa sede) seguirà “Le ragioni di Socrate”, una conferenza del prof. Franco Trabattoni, docente di Storia della Filosofia antica presso l’Università degli Studi di Milano, a completare le "serate socratiche" programmate dalla A.I.C.C .
L'incontro è gratuito e aperto a tutti gli interessati.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

16 Agosto 1924 il cadavere di Giacomo Matteotti, rapito e ucciso da squadristi fascisti nel giugno dello stesso anno, viene ritrovato in un bosco a Riano (Roma)

Social

newTwitter newYouTube newFB