Lecco, 03 ottobre 2019   |  
Economia   |  Turismo

Peccati: cresce il turismo, ma è solo merito dei privati

Il presidente di Confcommercio: Il Comune di Lecco dovrebbe investire milioni di euro. Il direttore Riva: il porto è opera fondamentale

peccati 2016 uno

Antonio Peccati

Ottima stagione per il turismo, un settore strategico per Confcommercio sotto la presidenza di Antonio Peccati. "Il cruccio è sempre lo stesso e basta un po' di onestà intellettuale per condividere questa analisi: lo sviluppo del turismo è dovuto solo ed esclusivamente all'iniziativa privata. Le Amministrazioni pubbliche non ci hanno messo nulla. Quando sento dire, anche dal sindaco del capoluogo, che i privati ora devono fare la loro parte mi viene da sorridere. I grandi investitori non ci sono? Chi amministra i nostri Comuni dovrebbe sapere che si devono creare prima le infrastrutture e le condizioni idonee, perché chi investe deve valutare la convenienza e la resa di una operazione".

Sono diversi i Comune, in primis Lecco, che si sono dotati della tassa di soggiorno. "Se prendiamo sempre come esempio il Comune capoluogo, bisogna ricordare che fino all'introduzione della tassa, avvenuta nel 2015, venivano destinati al tema 50-60 mila euro. Ora sono 200mila euro, ma una realtà come Lecco dovrebbe mettere sul tavolo alcuni milioni di euro se davvero ritiene il turismo un fattore strategico e di sviluppo".

Restando in quest'ambito, il direttore Alberto Riva affronta due temi fondamentali per Lecco lanciando altrettanti inviti: il restyling del lungolago ("C'è stato l'annuncio del bando e si è sbloccata la fase istruttoria per la commissione però è ancora tutto fermo") e la realizzazione del porto ("Si tratta di un'opera fondamentale: bisogna al più presto passare all'azione").

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Settembre 1956 è inaugurato il primo cavo sottomarino transatlantico, tra Scozia e Terranova.

Social

newTwitter newYouTube newFB