Lecco, 27 ottobre 2021   |  

Milite ignoto anche Lecco concederà la cittadinanza ordinaria

L’aula aveva approvato compatta la nostra mozione, dimostrando senso di unità e rispetto per la memoria storica comune.

260px Altare della Patria July 2016 59

«Finalmente Lecco ha concesso la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto. Un impegno che ci eravamo presi di fronte ai cittadini e di fronte alla storia. Una promessa che abbiamo mantenuto. Lo avevamo chiesto ufficialmente in occasione delle celebrazioni della Festa della Repubblica, accogliendo la richiesta che l'Associazione “Medaglie d'Oro al Valore Militare” ha da tempo rivolto all'ANCI, e quindi a tutti i Comuni italiani. La Mozione presentata da Fratelli d’Italia, alla quale si sono poi aggiunti altri colleghi sia di maggioranza che di minoranza, aveva ottenuto il via libera da parte del Consiglio Comunale di Lecco già prima dell’estate, accogliendo così tutte le nostre richieste. Questa iniziativa vuole ricordare il tributo di sangue che tanti ragazzi hanno offerto alla propria città durante la Prima Guerra Mondiale.

L'idea è stata lanciata circa un anno e mezzo fa perché il Milite Ignoto rappresenta 650mila caduti durante la Grande Guerra, martiri che per il loro eroismo non debbono e non possono essere dimenticati. Anche Lecco ha visto numerosi dei suoi giovani sacrificarsi per la difesa della Patria e per questo è giusto e doveroso che questa cittadinanza sia riconosciuta, in loro ricordo ed in loro onore.

L’aula aveva approvato compatta la nostra mozione, dimostrando senso di unità e rispetto per la memoria storica comune. Con grande rammarico, invece, avevamo assistito al delirio ideologico della sinistra post-comunista del Consigliere Anghileri che aveva votato contro e che oggi rinnova la sua contrarietà, voltando così le spalle ai giovani caduti lecchesi e dimostrandosi irrispettosa nei confronti di questi ultimi, arrivando a dire che sarebbero morti “per nulla”. Così, ero stato costretto ad intervenire una seconda volta per ricordare al “compagno” negazionista che chi muore per la Patria, non muore mai per nulla. Infatti, è anche grazie al sacrificio di questi giovani lecchesi se oggi possiamo vivere in pace ed in libertà, senza essere soggiogati da un governo straniero. Ma forse, alla sinistra lecchese questo può far dispiacere, considerato che nell’immediato dopoguerra, auspicavano di potersi far governare dall’Unione Sovietica stalinista. La storia, fortunatamente, è andata diversamente, se ne facciano una ragione. Viva la libertà, viva il coraggio e l'Amor Patrio, viva il Tricolore, viva il Milite Ignoto e viva l'Italia!>>

Così Giacomo Zamperini, Dirigente Regionale e Capogruppo di Fratelli d'Italia in Consiglio Comunale, commenta l'approvazione della Delibera da parte del Consiglio Comunale di Lecco per il conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Maggio 1990 il Tgv Atlantique n.25 (Tgv325) conquista il record di velocità per mezzi ferroviari convenzionali raggiungendo i 515,3 km/h

Social

newTwitter newYouTube newFB