Lecco, 12 giugno 2019   |  

Maltempo: quasi mille evacuati tra Valsassina e Alto Lago

Chiesta a Regione Lombardia la dichiarazione di stato di emergenza.

claudio usuelli nibionno

Claudio Usuelli

A seguito del maltempo che si è abbattuto nelle scorse ore sul territorio, la Provincia di Lecco si è subito attivata con il sistema di Protezione civile, con il coordinamento della Prefettura, per fronteggiare l’emergenza su tutto il territorio, in particolare in Alto Lago e in Valsassina, zone maggiormente coinvolte con quasi 1.000 evacuati.

La situazione più critica infatti riguarda il corso del torrente Varrone e i Comuni di Premana, Pagnona, Casargo, Valvarrone, Vendrogno, Dervio, Primaluna, oltre a Morterone, rimasto isolato per una frana sulla strada provinciale 63.

Sentiti i Sindaci competenti e sulla base della Pianificazione provinciale di Protezione civile, è stata predisposta cautelativamente l’evacuazione dei residenti dei Comuni di:
1. Dervio, circa 600 persone ricoverate presso palestre ed un villaggio turistico siti nei comuni di Colico e Bellano;
2.Primaluna, circa 220 persone ricoverate presso la locale scuola materna, per l’esondazione dei torrenti Molina, Fuss e Noci Valsassina; la S.P. 62 risulta parzialmente interrotta.

La decisione è stata assunta, in particolare per il Comune di Dervio, a causa del rischio esondazione della diga sita in località Pagnona a monte dell’abitato del comune a Premana.
Sul posto VV.FF. con elicottero, P.S., Polstrada, G.d.F. ed Arma dei Carabinieri. Nella circostanza, inoltre, la linea ferroviaria Milano-Tirano risulta interrotta all’altezza di Dervio, come anche la S.P. 72 rivierasca della sponda orientale del Lago di Como.

La Provincia di Lecco, per tutelare maggiormente i Comuni e gli altri enti del territorio, si è già attivata per chiedere a Regione Lombardia la dichiarazione di stato di emergenza, coinvolgendo anche eventuali altre Province interessate, tra cui la Provincia di Sondrio, che si trova parzialmente isolata con la linea ferroviaria interrotta in più punti.

In questo senso il Presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli ha già parlato personalmente con il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, che ha subito manifestato la sua solidarietà e ha assicurato la massima disponibilità per il riconoscimento dello stato di emergenza.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Giugno 1980 il Dc9 I-Tigi Itavia Ih870, in volo da Bologna a Palermo, partito con due ore di ritardo, esplode nei cieli a Nord di Ustica, 81 le vittime, di cui 13 bambini

Social

newTwitter newYouTube newFB