Lecco, 26 marzo 2020   |  

L'export lecchese frenava già a fine 2019

Resi noti dalla Camera di Commercio i dati definitivi dello scorso anno.

Export Import

Nel 2019 il territorio lariano ha esportato merci per 10,2 miliardi di Euro (-3% rispetto al 2018, contro il +2,3% nazionale; la variazione percentuale dell’export lombardo è pressoché nulla, pur a fronte di una riduzione in termini assoluti di 52,6 milioni di Euro). Le importazioni sono ammontate a circa 5,6 miliardi di Euro (-7,2%; Lombardia -0,4%; Italia -0,7%). Il saldo della bilancia commerciale continua ad essere positivo ed è in aumento: nel 2019 ha toccato quota 4,6 miliardi di Euro (+2,8%). Il saldo della nostra regione rimane negativo (-7,3 miliardi di Euro, in peggioramento del 6,6% rispetto al 2018), mentre il surplus italiano è stato superiore ai 39 miliardi di Euro (+34,8%).

A Como sia le importazioni che le esportazioni evidenziano cali superiori ai due punti percentuali (rispettivamente -2,7% e -2,5%); da segnalare il significativo calo dell’import della provincia di Lecco (-12,5%), il più elevato in tutta la Lombardia; l’export diminuisce del 3,4%. Pertanto, migliora notevolmente il saldo della bilancia commerciale lecchese (+11,2%), contro il -2,8% di Como.

A livello regionale, la provincia che ha visto crescere maggiormente il proprio export è Pavia (+12,5%), seguita da Milano e Cremona (rispettivamente +4,4% e +0,6%). Como si posiziona all’8° posto e Lecco al 9°; la graduatoria lombarda è chiusa da Monza e Varese (rispettivamente -4% e -7,9%).

Per quanto concerne la variazione delle importazioni, solo Varese, Pavia e Milano registrano un segno più (rispettivamente +4,3%, +2,3% e +1,9%). Como si posiziona al 6° posto e Lecco chiude la graduatoria regionale

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

3 Aprile 1896 esce il primo numero della Gazzetta dello Sport, nata dalla fusione de Il ciclista e La tripletta

Social

newTwitter newYouTube newFB