Lecco, 08 novembre 2018   |  

Lecco: il 5,4 per cento delle imprese è innovativa

Sono infatti 1256 quelle attive in settori innovativi su un totale di 23278.

innovazione lampadina ingranaggi

Sono 385 miliardi di euro di fatturato in un anno e circa 1,5 milioni di addetti. Questi i numeri dell’innovazione, considerando i dati delle imprese attive nei settori della manifattura chimica, farmaceutica, elettronica e ottica, meccanica tra macchinari, automotive e aeromobili, nel commercio on line, nella produzione di software e consulenza informatica, nell’analisi dati, nelle attività di design specializzate, in quelle di architettura e ingegneria e ricerca scientifica e sviluppo. Aumentano rispetto allo scorso anno le imprese, a quota 210.631 (+1,9%), con crescite consistenti nel commercio on line (+8,9%, pari a 1.683 imprese in più rispetto al 2017), e nel settore ricerca scientifica e sviluppo (+5,9%).

I primi settori sono il comparto della produzione di software, consulenza informatica e attività connesse conta 44.669 impese (21,2%), elabora- zione dei dati, hosting e attività connesse (42.175, 20%), e fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca con 27.207, un settore che da solo produce un giro d’affari da 108 miliardi di euro, circa un terzo del totale dei settori innovativi considerati. Seguono l’automotive (73 miliardi), la fabbricazione di prodotti chimici (45 miliardi) e la produzione di software e infor- matica (34 miliardi).

Ha dichiarato Massimo Dal Checco consigliere della Camera di commercio e amministra- tore delegato di Innovhub Stazioni Sperimentali per l'Industria – “Come partner europeo nella rete EEN, Enterprise Europe Network, puntiamo a promuovere ricerca e innovazione insieme ad una maggiore sicurezza sul lavoro e sostenibilità ambientale. Ci affianchiamo alle imprese per la qualità dei prodotti, alla base della competitività in Italia e all’estero”.
La prima provincia nel settore per numero imprese è Milano, con 22.747 attività, seguita da Roma (17.812 imprese, il 10,4% nazionale) e Torino (10.385 imprese). Guardando al peso dei settori innovativi sul tessuto economico delle singole province, le più innovative sono Milano con un’incidenza del 7,5% sul totale, al secondo posto in Italia c’è Monza e Brianza (6,2%) e al terzo posto Vicenza (5,7%). Tra le prime 20 province italiane ci sono altre lombarde: Lecco (5,4%), Varese (5,3%) Bergamo (5,1%), Como e Brescia (entrambe 5%). Emerge da un’elaborazione della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati Registro imprese e su dati AIDA - Bureau van Dijk.

In Lombardia ci sono 48.102 imprese innovative (514.681 addetti) con un fatturato di oltre 145 miliardi, il 37,8% del fatturato italiano. Dopo Milano con 22.747 imprese, ci sono Brescia con 5.337, Bergamo (4.343) e Monza e Brianza (3.981). Guardando all’incidenza dei settori innovativi sul totale delle attive, al primo posto Milano, al secondo Monza Brianza e al terzo Lecco. Quasi 11mila le imprese lombarde di produzione di software, oltre 8mila attive nell’elaborazione dati e hosting, oltre 7.800 le attive nella fabbricazione di macchinari e 9mila studi tra architettura e ingegneria e design.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Novembre 1903 il Partito Social Democratico dei Lavoratori Russo si scinde in due gruppi; i Bolscevichi (che in russo significa "maggioranza") e i Menscevichi ("minoranza")

Social

newTwitter newYouTube newFB