Lecco, 10 febbraio 2017   |  

La proposta di Bodega: “riapriamo Piazza Garibaldi alle auto”

L’ex Sindaco rilancia l’idea già ipotizzata durante l’ultima campagna elettorale, ma l’amministrazione va nella direzione opposta

piazzagaribaldi.jpg

Riaprire Piazza Garibaldi al passaggio delle auto. Non ha abbandonato questa idea l’ex sindaco ed oggi consigliere comunale d’opposizione Lorenzo Bodega, che durante la commissione dedicata alla nuova organizzazione della ztl in centro città ha rilanciato la proposta che già figurava fra i punti forti della sua campagna campagna elettorale del 2015.

«Sarebbe un’ottima soluzione per valorizzare il centro cittadino - ribadisce Bodega -. Le auto passerebbero per la piazza con uscita su Via Costituzione». Una proposta che per l’ex borgomastro punta alla valorizzazione di Lecco anche sotto il profilo turistico, settore ancora poco sviluppato: «Lecco turistica?- tuona Bodega - Ma se è un deserto! La città è vuota, le attività chiudono una dopo l’altra e qui si pensa solo a fare ad interventi che renderanno ancora più difficile la ripresa economica».

Su Piazza Garibaldi la proposta avanzata dall’amministrazione comunale infatti va esattamente nella direzione contraria. Divieto assoluto di parcheggio per le auto e delimitazione con fioriere o altri arredi in modo da valorizzare la Piazza come area per manifestazioni ed eventi. Nessuna possibilità che l’ipotesi avanzata da Bodega venga presa in considerazione, dato che, come ha ribadito ancora una volta l’assessore alla partita Corrado Valsecchi, liberare il centro dalle auto resta la priorità

«I sacrifici ci saranno, ma il riordino del centro è un’esigenza insindacabile, condivisa anche con residenti e commercianti. Tutti sono d’accordo nel dire che la ztl, così com’è, non va più bene Noi siamo gli amministratori e e dobbiamo prendere queste decisioni».

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Dicembre 1842, a Fraciscio di Campodolcino (Como),  nasce don Luigi Guanella (morirà a Como il  24 ottobre 1915), riconosciuto santo dalla Chiesa cattolica.  A lui si deve la fondazione delle congregazioni cattoliche dei Servi della Carità e delle Figlie di Santa Maria della Divina Provvidenza.

Social

newTwitter newYouTube newFB