Lecco, 01 marzo 2020   |  

La lettera di Franco Gioia a Papa Francesco su l'Alzheimer

Il Santo Padre ha esaudito una delle preghiere inviando la Sua Benedizione e la pergamena per il 60* di matrimonio.

20200301 092646

Un amico di Franco Gioia, con l'accordo della famiglia, ha reso nota la lettera inviata al Papa qualche mese fa. Papa Francesco ha esaudito una delle preghiere inviando a Franco la Sua Benedizione e la pergamena per il 60* di matrimonio. Franco ci ha serenamente lasciati il 27 febbraio.

Carissimo Papa Francesco,
sono Francesco Gioia (per gli amici Franco), nato, sposato e vissuto a Valmadrera; marito di Elena dal 6 aprile 1959, papà di don Gabriele, di Maurizio e di Simona.

So che come inizio di lettera ti parrà scontato, ma ho fatto tanta fatica..non a ricordare chi sono io..ma a riconoscere ed a ricordare i nomi dei miei cari!

La malattia di Alzheimer che da otto anni si è impadronita prima della mia mente e poi del mio corpo mi ha condotto in un tunnel senza uscite di sicurezza.

Nelle giornate che si ripetono una uguale all'altra in RSA vivo sempre con piacere i momenti dei pasti e della recita del S.Rosario da Lourdes.

Fino a qualche mese fa vivevo con piacere anche le lunghe partite a carte con la mia amica Maria; giocavamo a briscola anche in pigiama dopo la cena.
Poi mi han detto che Maria era andata a giocare a carte in cielo. Le mie giornate da allora sono tornate grigie ed i miei movimenti son diventati lenti e difficoltosi.

I miei cari mi dicono che ho sempre avuto tanti amici, che ero impegnato in vari ambiti in Parrocchia, nell'ambito sociale, sanitario, scolastico e che davo sempre una mano a curare i miei 4 nipotini (Fabio, che in Aula Nervi ti ha stretto la mano con Chiara lo scorso 2 gennaio, Matteo, Michele e Giorgio).
Ora i miei nipoti non li riconosco quando vengono a trovarmi ed a farmi giocare a carte ma riescono sempre a farmi svagare ed a tener attiva la mente; la malattia di Alzheimer è poco conosciuta e riconosciuta nella nostra società; se non compresa e non affrontata nel modo corretto destabilizza i rapporti famigliari; se non conosciuta tiene lontani gli amici che invece possono svolgere un ruolo terapeutico importante e che a noi fa piacere vedere.. anche se poi li annoiamo rivolgendo loro sempre le solite due domande.

Durante una sua visita nell RSA dove risiedo ho avuto il piacere di reincontrare Mons. Tettamanzi (l'ho chiamato Dionigi perché eravamo compagni in seminario) e ci siam parlati di quegli anni e di quelli successivi, quando lo vedevo in seminario durante le visite a mio figlio don Gabriele.

Chiudo qui queste due righe con una richiesta di preghiera per me e per tutti coloro che son colpiti dalla malattia di Alzheimer, per i nostri famigliari e per coloro che amorevolmente si prendono quotidianamente cura di noi!

Un'ultima preghiera...mi son dimenticato di richiederti la pergamena con la tua gradita e rasserenante benedizione in occasione del 60* anniversario di matrimonio con la mia cara ed amata moglie Elena.

Con Elena abbiamo festeggiato il 6 aprile 2019 con una S.Messa celebrata nella Chiesa dell'RSA Airoldi&Muzzi di Lecco da nostro figlio don Gabriele (presenti figli e parenti stretti).

Confido nella tua immensa tenerezza di Padre, lasciando ad un fidato amico il compito di farti pervenire questa mia preghiera.

Con affetto e profonda gratitudine.
Agosto 2019

Francesco Gioia....x gli amici Franco

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Maggio 1986 la Comunità Europea adotta la bandiera europea

Social

newTwitter newYouTube newFB