Lecco, 10 ottobre 2018   |  

Il valore della relazione tra “disabilità e nuove tecnologie”

Buona la partecipazione del pubblico costituito per lo più da docenti di ogni ordine e grado e da genitori oltre che da educatori o laureandi.

WhatsApp Image 2018 10 09 at 18.45.48

Lunedì 8 ottobre 2018 alle ore 20.45, presso l’Associazione “La Nostra Famiglia”, Auditorium “Don Luigi Monza” Padiglione 6, si è tenuto l'incontro: “Disabilità e nuove tecnologie: dalla parte del Bambino”. E’ intervenuto Massimo Molteni (Neuropsichiatra e Direttore sanitario centrale Associazione “La Nostra Famiglia”). Buona la partecipazione del pubblico costituito per lo più da docenti di ogni ordine e grado e da genitori oltre che da educatori o laureandi.

“Viviamo e siamo immersi in una società sempre più tecnologica!” ha affermato in apertura Molteni, che ha cercato di chiarire e spiegare quelli che sono i meccanismi che regolano e motivano i nostri comportamenti a partire dall’apprendimento, fino alla riabilitazione. E’ la motivazione, che nasce dalla soddisfazione di un piacere, ciò che spinge un bambino di tre anni a “giocare” con l’Ipad o il tablet e il sistema in cui siamo immersi come individui e come comunità è tale, che siamo sempre più spinti alla ricerca del “piacere” o dei “like”.

La tecnologia di internet, come del resto quella dei social, è facile, immediata, perché si inserisce in questo meccanismo di soddisfazione e apprendimento attraverso un continuo rinforzo del piacere fino a determinare talvolta nell’individuo forme di dipendenza di natura patologica.

L’uomo, ha proseguito il relatore, è anche inserito all’interno di una realtà sociale e relazionale e questo può determinare nel soggetto diverse esperienze positive legate alla nostra creatività, al gusto della scoperta, della novità fino a generare in noi forme di resilienza. Di contro le esperienze negative, a volte anche il solo andare con coraggio e consapevolezza contro corrente, possono generare in noi sensi di paura e quindi comportamenti esclusivamente orientati alla sopravvivenza. “Quante volte utilizziamo la paura nel nostro stile di insegnamento? Il tablet? Mai!” ha volutamente affermato Molteni.

I docenti, come del resto i genitori, devono accettare la sfida che proviene dalle nuove tecnologie, non vietando, ma spostando il tutto sul piano della dimensione emotiva relazionale: fare esperienza per costruire insieme. E’ l’esperienza il luogo per eccellenza dell’umano come del resto è la relazione il metodo e la strada per risultare vincenti e carichi di fascino nel processo educativo e formativo dei nostri ragazzi.

Non sono mancati tuttavia riferimenti alle tecnologie esistenti sul mercato o comunque in fase di sperimentazione e di lancio in grado di dare un contributo concreto al mondo delle disabilità. Un esempio è sicuramente rappresentato da “Tachidino” (per maggiori informazioni: https://www.tachidino.com/), il gioco semplice e divertente che potenzia le abilità di lettura e di scrittura in un’ottica di “riabilitazione a distanza per i DSA” realizzato e curato da IRCCS Medea di Bosisio Parini, oppure da “Seleggo” (per maggiori informazioni: http://www.seleggo.org/) un servizio gratuito che mette a disposizione uno strumento compensativo per gli studenti dislessici realizzato dai Lions Club, dove i testi scolastici vengono trascritti con caratteri più grandi e distanziati e resi ascoltabili con la sintesi vocale e il karaoke. Da agosto 2018, il servizio presenta una nuova versione disponibile online, il tutto a partire dall’esperienza della Onlus Seleggo nelle scuole e dalla collaborazione con l’IRCCS Medea. Il legame di Seleggo con Tachidino (software prodotto da Medea per la riabilitazione di dislessia e disortografia) permette di individuare in modo oggettivo (attraverso il modulo Tachidino Text) il font, la dimensione dei caratteri e la spaziatura tra i caratteri con cui ogni singolo studente legge nel modo più corretto. L’ipotesi alla base è che non esista un font facilitante la lettura in senso assoluto, quanto un font specifico per ogni persona, in sintonia con il valore che la ricerca attribuisce a dispositivi elettronici personalizzabili. E’ possibile individuare il proprio font con l’assistenza di specialisti accreditati da Medea.

Da ultimo Molteni ha presentato una nuova esperienza legata all’autismo: “App and Autismo” (per maggiori informazioni: https://www.webcounseling.it/appandautism/).

Trattasi di una piattaforma web progettata e implementata come strumento di ricerca rivolto agli utenti che desiderino identificare applicazioni per dispositivi mobili (tablet e smartphone) per bambini e adolescenti con diagnosi di Disturbo dello Spettro Autistico.

Particolarità: il portale fornisce una raccolta di risorse utilizzabili nell’ambito di questa patologia direttamente dal o con il bambino/ragazzo, dal genitore e dall'operatore.

I prossimi incontri, sempre alle ore 20:45 c/o l’Auditorium “Don Luigi Monza, svilupperanno le seguenti tematiche:

- Venerdì 19 ottobre 2018: “Generazione 2.0: rischi e opportunità!”. Relatrice: Mariangela Treglia (Psicoterapeuta Istituto di Terapia Cognitivo Interpersonale).

- Lunedì 5 novembre 2018: “Non cadere nella Rete e nelle trappole dei “lupi digitali”. Relatore: don Fortunato Di Noto (Parroco e Presidente dell’Associazione Meter Onlus contro la pedofilia e a tutela dell’infanzia).

- Martedì 20 novembre: “Rete: libertà e sviluppo del pensiero critico”. Relatore: Ezio Aceti (Psicologo dell’età evolutiva) - Referente scientifico del progetto formativo.

- Lunedì 3 dicembre: “Buone prassi e pratiche: proposte per la scuola”. Relatori: Manuela Ponti (Psicologo) di AIDD Onlus (Associazione Italiana contro la Diffusione delle Dipendenze) e Alberto Valsecchi (Psicologo e Psicoterapeuta) dell’Associazione Parvus di Erba.

Gli incontri sono stati organizzati da Generazione Famiglia Lecco, Associazione La Nostra Famiglia, CAV Lecco, DIESSE Lombardia, CIF Provinciale Lecco e sezioni di Galbiate e Valmadrera, Meter Onlus con il patrocinio di Provincia di Lecco, Comune di Bosisio Parini, Molteno e Rogeno.

Referente scientifico del progetto formativo sarà, anche per questa edizione, il dott. Ezio Aceti.

Ai docenti partecipanti, previa registrazione, verrà inviato Attestato di partecipazione al termine dell’intero ciclo di conferenze.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

12 Dicembre 1901 Guglielmo Marconi riceve il primo segnale radio transoceanico.

Social

newTwitter newYouTube newFB