Lecco, 12 settembre 2018   |  

Il sorriso. Positività che viene dal cuore

di Gabriella Stucchi

Il libro, ricco di riferimenti scientifici, biblici, psicologici, poetici, oltre che di testimonianze dirette, si presta ad una lettura agevole, che aiuta ad assumere un atteggiamento nuovo verso la vita.

libro Il sorriso1

«Il sorriso è forse il primo tra i gesti del corpo con il quale “incontriamo” l’essere umano che ci sta di fronte».

Così l’autore, Giuliano Guerra, medico e psicoterapeuta, afferma agli inizi del libro, sottolineando i particolari del volto che sorride: lo sguardo, la forma misteriosa degli occhi, l’atteggiamento delle labbra, delle arcate dentarie...Il sorriso diventa linguaggio del corpo e comunicazione non verbale. C’è il sorriso spontaneo, sincero, istintivo in cui si avverte un senso di allegria che coinvolge; ma c’è pure il sorriso inautentico: questo non è accompagnato dalla luminosità dello sguardo. C’è anche il sorriso di chi cerca il consenso di un vasto pubblico, che vuole accattivarsi l’attenzione degli altri per ricavarne vantaggi personali. Il sorriso viene usato anche per aiutare le persone che soffrono, sole, come pure nelle comunicazioni professionali. Il sorriso ha una “potenza di empatia” (A. Graziottin).
“Non sapremo mai quanto bene può fare un semplice sorriso” (Madre Teresa di Calcutta).

Il sorriso ha un effetto positivo nelle relazioni sociali, soprattutto quando è spontaneo: riduce la diffidenza, aumenta il livello di fiducia e di apertura alla comunità. Nel mondo della scuola il volto sorridente dell’insegnante facilita la disponibilità degli alunni ad apprendere, migliora l’attenzione. Così nelle varie attività lavorative. Sorridere infonde sicurezza, che può incoraggiare la speranza, l’ottimismo e l’entusiasmo. Le dinamiche indotte dal sorriso aiutano a distanziarsi dalle problematiche quotidiane sviluppando positività, che si può diffondere, influenzando positivamente i rapporti, inducendo anche nelle altre persone un processo di cambiamento. Ma il sorriso deve essere autentico, deve venire dal “maestro del cuore”, da una saggezza profonda. Innumerevoli ricerche affermano che sorridere è un toccasana per la salute, per combattere lo stress, addirittura per alleviare il dolore acuto e cronico.

Per chiarire il “sorriso del cuore” l’autore ricorre ad immagini della salita di una montagna per raggiungere la vetta. Queste trasformano le energie mentali, suscitano emozioni positive che portano a cambiamenti nel modo di porsi nella vita, generano serenità e armonia. Infatti questa tecnica risveglia il nostro contatto con la natura spirituale che è in tutti noi. Le bellezze della natura fanno affiorare pensieri positivi, sentimenti di riconciliazione e di perdono: è un’energia risanatrice.
Un altro passaggio è quello di liberarci dai condizionamenti mentali che scatenano sensi di colpa, di impotenza e di incapacità di reagire alla sofferenza. Bisogna vigilare per stroncare sul nascere le negatività, ponendoci di fronte con serietà, ma anche con leggerezza e con l’atteggiamento del sorriso consapevole. Occorre esercitare la nostra volontà, ricorrere alla preghiera, al silenzio, alla meditazione, alla contemplazione della natura, finché si instaurano le “qualità virtuose”, come la bontà, la compassione, la forza, la generosità, la tenerezza.

È importante, scrive l’autore, “ricercare continuamente la nostra dimensione più profonda”, cioè il centro di noi stessi: dal maestro del cuore prende origine la forza spirituale che ci aiuta a superare gli affanni della quotidianità e a osservare con saggezza gli errori, i successi, le sconfitte, le gioie della nostra esistenza. Questo ci porta al vero sorriso.
Si conclude con il testo dell’incontro con fratel Arturo Paoli sul tema “Il sorriso del saggio”.

Il libro, ricco di riferimenti scientifici, biblici, psicologici, poetici, oltre che di testimonianze dirette, si presta ad una lettura agevole, che aiuta ad assumere un atteggiamento nuovo verso la vita, la cui potenza realizzativa, collegata con la nostra essenza divina, ci unisce ai progetti amorevoli del Creatore.

Giuliano Guerra “Il sorriso” – Positività che viene dal cuore – Paoline – euro 15.00

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Settembre 1783 i fratelli Montgolfier presentano l'aerostato detto "ad aria calda" che viene innalzato alla presenza del re Luigi XVI, nei giardini di Versailles. L'aerostato prende poi il nome di mongolfiera.

 

Social

newTwitter newYouTube newFB