Lecco, 08 marzo 2019   |  

Il ricordo del sindaco Brivio: Lecco sarà sempre orgogliosa di Marco Anghileri

"Prima che essere un grande lecchese e un grande atleta insignito nel 2000 della benemerenza civica di S. Nicolo, era un caro amico".

image0xxsvo02

A cinque anni di distanza dalla scomparsa di Marco Anghileri, il sindaco Virginio Brivio ha voluto ricordare il fortissimo scalatore lecchese..

Riprendo in questa occasione e attualizzo quanto avevo scritto all’indomani della scomparsa di Marco Anghileri.

“Con l'augurio di un futuro sempre all'altezza dei tuoi desideri”. Sono parole scritte da Marco Anghileri a mio figlio Luca nell'agosto 2011, come dedica del suo libro. Parole belle e sincere, scritte da un ragazzo, più grande e già di successo, a un altro ragazzo più giovane e con tante speranze.

Marco, ancora prima che essere un grande lecchese e un grande atleta insignito nel 2000 della benemerenza civica di S. Nicolo, era un caro amico. Ci eravamo visti l'ultima volta poche settimane prima e anche in quell'occasione c'era mio figlio: si erano dati appuntamento per un'escursione in montagna... Ci eravamo conosciuti quando ero in Provincia. Insieme abbiamo iniziato a lavorare per diffondere l'amore e la cultura della montagna e per far conoscere sempre di più l'arrampicata in tutte le sue forme. Marco non ha solo realizzato imprese clamorose che lo hanno fatto conoscere agli alpinisti e agli appassionati della montagna, ma era straordinario nel tramettere e comunicare la sua passione agli altri, soprattutto ai giovanissimi. Riusciva a conciliare l'alpinismo tradizionale con le nuove pratiche dell'arrampicata sportiva, che all’epoca del nostro primo incontro non erano conosciute e diffuse come poi in seguito e oggi; e se un certo movimento alpinistico è cresciuto, lo dobbiamo anche a lui.

"Da solo in inverno" è il titolo di un suo libro bellissimo ed era il suo modo di arrampicare, in solitaria e nelle condizioni più estreme. È con queste ascensioni realizzate su tutto l'arco alpino che ha costruito la sua fama e il suo successo. Ed è "da solo in inverno" che Marco se ne è andato, sul Bianco cinque anni fa, a caccia della più sensazionale delle sue imprese.

Ma quando tornava nella sua Lecco era tutt’altro che solitario: era un campione anche nel fare squadra, nel coinvolgere gli altri, nel divulgare e fare apprezzare anche agli altri ciò che lui amava di più. Avreste dovuto vederlo nelle scuole o nelle serate, mentre parlava ai bambini o con giovani e adulti. Paradossalmente siamo stati più vicini nel periodo in cui, a causa di un banale incidente in moto, era stato costretto a stare lontano dalle vette. Marco seppe trasformare quel problema in un'opportunità e ne approfittò per contribuire alla ideazione e creazione di un "sistema turistico" che traesse linfa dalla montagna. Ci credeva davvero in questa idea, al punto che aveva aperto un ristorante ai Piani Resinelli, il "2.184", che poi è l'altezza della Grigna, da lui tanto amata e quasi quotidianamente frequentata: una sfida in salita, come sempre per chi arrampica, per rilanciare una località che merita di essere sempre più scoperta e vissuta.

Gli alpinisti lo chiamavano "Butch", il mio semplice andare in montagna da camminatore della domenica non mi fa sentire in diritto di usare questo soprannome, preferisco continuare a chiamarlo Marco, come ho sempre fatto. Quel sabato mattina, quando ancora in città nessuno si immaginava la tragedia, gli avevo mandato un ultimo sms per complimentarmi con lui: «Semplicemente bravo. Lecco è orgogliosa di te». Non lo ha mai letto, ma queste parole sono più che mai vere. Lecco sarà sempre orgogliosa di Marco Anghileri.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Giugno 1980 il Dc9 I-Tigi Itavia Ih870, in volo da Bologna a Palermo, partito con due ore di ritardo, esplode nei cieli a Nord di Ustica, 81 le vittime, di cui 13 bambini

Social

newTwitter newYouTube newFB