Lecco, 19 maggio 2022   |  

Il Lecco si appresta a ripartire dalla Lega Pro

Al momento il dato certo è uno soltanto. Il Lecco si appresta a ripartire dalla Lega Pro dove, nel campionato da poco finito in archivio, ha ben figurato conquistandosi ancora una volta la zona playoff.

cc11

di Cristiano Comelli Al momento il dato certo è uno soltanto. Il Lecco si appresta a ripartire dalla Lega Pro dove, nel campionato da poco finito in archivio, ha ben figurato conquistandosi ancora una volta la zona playoff. E questo grazie a un sesto posto in classifica con 55 punti frutto di 16 vittorie, sette pareggi e quindici sconfitte, 51 reti all'attivo e 42 al passivo. Che poi contro la Pro Patria si sia infranto il sogno cadetteria non va a scalfire la buona stagione della squadra della città cara ad Alessandro Manzoni.

La domanda è ora: da chi ripartirà? Perchè movimenti ve ne sono all'interno dell'assetto societario così come in quello tecnico, quest'ultimo dovuto alla partenza del direttore sportivo Domenico Fracchiolla e alla non prosecuzione del rapporto con il tecnico Luciano Di Paola, ringraziati dalla società per la validità del loro operato con altrettante note. Mentre l'attenzione sulla prima squadra è elevata soprattutto da parte dei tifosi, la società pensa anche a irrobustire il settore giovanile essendosi messa alla ricerca di "nuovi collaboratori - dice una nota al riguardo- da integrare nello staff dirigenziale delle squadre agonistiche del settore giovanile".

Il Lecco della sfera di cuoio parte comunque da un'eredità importante e cercherà di ritagliarsi nella prossima stagione il ruolo di primo piano che ha saputo avere nel corso di quella da poco conclusa. Del resto qui il calcio ha scritto anche una storia di primo piano documentata da alcune apparizioni persino in massima serie. Mario Ceppi presidente, Angelo Piccioli in panchina. No, quelle pagine i tifosi lecchesi non se le sono proprio dimenticate.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

16 Agosto 1924 il cadavere di Giacomo Matteotti, rapito e ucciso da squadristi fascisti nel giugno dello stesso anno, viene ritrovato in un bosco a Riano (Roma)

Social

newTwitter newYouTube newFB