Lecco, 29 novembre 2018   |  

Il gemellaggio del CFP Aldo Moro in Polonia

Si è trattato di uno dei numerosi appuntamenti che vedono la scuola protagonista all’interno di un progetto Erasmus della durata di due anni scolastici.

Continuano i gemellaggi all’interno dell’ambito del Progetto Erasmus + per la scuola professionale Fondazione Mons. G. Parmigiani C.F.P. Aldo Moro di Valmadrera. La scorsa settimana alcuni studenti, accompagnati dalle professoresse Patrizia Parolini e Laura Canali, dell’istituto professionale di Valmadrera, hanno vissuto un’esperienza indimenticabile nella città di Białystok in Polonia. Si è trattato di uno dei numerosi appuntamenti che vedono la scuola protagonista all’interno di un progetto Erasmus della durata di due anni scolastici.

Il CFP Aldo Moro di Valmadrera è un istituto professionale qualificante, in cui si formano figure professionali in diversi settori quali meccanica, cucina, sala e bar, falegnameria e idraulica. Nell’ambito di questo scambio, si è cercato di trovare quattro scuole che avessero le simili finalità formative in termini di figure professionali.

Lunedì scorso i ragazzi sono arrivati a Białystok e subito hanno preso parte al progetto lavorando in gruppi internazionali con ragazzi coetanei polacchi, cechi e olandesi. Durante il corso di una settimana, gli studenti hanno visitato alcune aziende in cui, oltre a vedere, magari per la prima volta, un intero processo produttivo, hanno potuto intervistare delle persone, capire da loro che abilità servano per eseguire determinati lavori e scoprire che soddisfazione ci può essere dietro una funzione fino a poco prima sconosciuta. Tornati in aula, a gruppi internazionali, hanno dovuto realizzare una presentazione per spiegare dei particolari aspetti delle diverse realtà visitate. L’esperienza sul campo e il lavoro didattico sono stati inoltre contornati da iniziative ricreative e culturali come attività per affinare le abilità linguistiche e visite a luoghi storici, ma anche da momenti in cui sono stati eseguite delle attività manuali all’interno dei laboratori professionali della scuola polacca.

Queste attività di scambio, oltre a dare la possibilità di scoprire come può essere la vita a qualche migliaio di chilometri da casa, sono l’occasione per scoprire l’importanza di una lingua comune.
Anche questa esperienza in Polonia si è dunque conclusa in modo positivo: nonostante il freddo di Białystok, i ragazzi hanno creato il calore necessario a fare nascere la consapevolezza che oltre i nostri cancelli esistono altre possibilità, paesi e persone.

“Uno scambio culturale è più impegnativo di una gita, ma è una risorsa incredibile per educare i ragazzi a vivere in un contesto globalizzato. Lo sforzo della Fondazione Mons. G. Parmigiani C.F.P. Aldo Moro sta permettendo, negli anni, a tanti giovani del territorio lecchese di poter accrescere il proprio bagaglio culturale, con esperienze extra scolastiche che arricchiscono la già ottima base formativa”.

Uno scambio culturale è impegnativo per tutti coloro che vi partecipano, ma è una risorsa incredibile per educare i ragazzi a vivere in un contesto globalizzato. Lo sforzo della Fondazione Mons. G. Parmigiani C.F.P. Aldo Moro sta permettendo, negli anni, a tanti giovani del territorio lecchese di poter accrescere il proprio bagaglio culturale, con esperienze extra scolastiche che arricchiscono la già ottima base formativa.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Giugno 1980 il Dc9 I-Tigi Itavia Ih870, in volo da Bologna a Palermo, partito con due ore di ritardo, esplode nei cieli a Nord di Ustica, 81 le vittime, di cui 13 bambini

Social

newTwitter newYouTube newFB