Albaredo , 12 agosto 2017   |  

Il falco Paolo Bonanomi conquista la prima Grisciun Sprint

Il corridore lecchese si è imposto sul breve tracciato di 2,5km con dislivello positivo di 300m.

podio grisciun

La pioggia non ha frenato i corridori del cielo impegnati venerdì sera sui sentieri di Albaredo per San Marco nella 4ª tappa di GOinUP , il circuito vertical a scopo benefico vera novità dell’estate podistica sondriese 2017.

Al via, nonostante ferie e diluvio, ben 77 atleti che si sono dati battaglia sul breve tracciato di 2,5km con dislivello positivo di 300m. Tracciato voluto, promosso e proposto dal locale gruppo alpini

Il via, dal centro sportivo Don Bosco, è stata dato regolarmente alle ore 20. Subito bagarre a tre sulla prima rampa che portava nel centro abitato del piccolo comune orobico. Il primo a rompere gli indugi è stato Marco Leoni che ha preso l’iniziativa all’inizio del temuto “Griscione”. Alle sue spalle il duo composto da Paolo Bonanomi e Daniele Corazza provava a non lasciar scappare il morbegnese.

Proprio il “falco” Paolo Bonanomi è andato a riprendere il fuggitivo nel tratto conclusivo, involandosi sul traguardo in località Via dei Monti, con il tempo di 13’07”. Alle sue spalle anche il giovane Daniele Corazza (Csi Morbegno) riusciva a chiudere il gap su Leoni, andando a chiudere in seconda posizione a 13” dal vincitore, terza piazza finale per Marco Leoni (Team Valtellina) con il crono di 13’26”.

A seguire altri due portacolori del Team Valtellina, quarto posto per Giovanni Tacchini e quinto posto per il leader del circuito Guido Rovedatti.

Al femminile, come da pronostico, gara in solitaria per l’atleta del Csi Morbegno Sara Asparini che ha concluso la propria ascesa con il tempo di 17’43”, precedendo Claudia Ciapponi di 44”. A podio anche la giovane atleta del Gs Valgerola Chiara Curtoni in 20’28”.

Per quanto riguarda la classifica del circuito GOinUP, la classifica resta invariata con Guido Rovedatti a confermarsi in testa con 392 punti. Alle sue spalle guadagna qualcosa Daniele Corazza (382 punti), seguito in terza posizione dall’ardennese Emanuele Pedrola (340 punti). Al femminile, dopo 4 prove, resta al comando del circuito Livia Curtoni con 377 punti, seguita da Sara Asparini con 299 punti, mentre terza posizione per Claudia Ciapponi con 295 punti.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Ottobre 1956 migliaia di dimostranti ungheresi protestano contro le influenze e l'occupazione sovietica della loro nazione (la Rivoluzione ungherese verrà stroncata il 4 Novembre)

Social

newTwitter newYouTube newFB