Lecco, 19 novembre 2016   |  

Il 25 novembre a Lecco la presentazione del libro “Silenzi di Stato”

Uno dei casi trattati riguarda proprio il territorio lecchese e la battaglia che Cinzia Manzoni.

libro silenzi di stato

Venerdì prossimo 25 novembre alle ore 18.00 avrà luogo presso la libreria Ibs-Libraccio di via Cavour a Lecco la presentazione del libro di Guido Romeo, realizzato in collaborazione con l’associazione onlus Gruppo Aiuto Mesotelioma. Romeo parlerà del volume di cui è coautore “Silenzi di Stato”, pubblicato dalla casa editrice Chiarelettere.

Giornalista per Il sole 24 ore e Vogue, Guido Romeo è cofondatore di “Diritto di sapere” , la prima ong italiana dedicata all’espansione e alla difesa del diritto di accesso all’informazione. Silenzi di Stato parla di dieci casi di trasparenza negata; è un reportage che aiuta a capire quanto la battaglia per una trasparenza vera e non solo formale non sia ancora stata vinta.

Quanto ha speso il sindaco in viaggi e con chi è andato a cena? Quanto è sicura la mia scuola? Quanto è inquinata l’aria del mio quartiere? Come sono fatte le graduatorie dei concorsi pubblici? L’amianto uccide ancora, ma dove? Quanti sono i “derivati” acquistati dal ministero e dalle amministrazioni?

Tutte informazioni non coperte dal segreto di Stato, ma il cui accesso, fino a oggi, è stato negato a cittadini, associazioni e giornalisti. A dispetto delle sbandierate riforme sulla trasparenza e delle promesse elettorali. Un atteggiamento che, oltre a essere ingiusto, è dannoso perché il prezzo che gli italiani pagano in vite umane e in reddito pro capite è altissimo.

Uno dei casi trattati riguarda proprio il territorio lecchese e la battaglia che Cinzia Manzoni, presidente del gruppo onlus Aiuto Mesotelioma, ha iniziato per vedere riconosciuta l’origine professionale della malattia che ha portato alla scomparsa del padre.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

7 Dicembre 1941 seconda guerra mondiale: i giapponesi attaccano la base navale statunitense di Pearl Harbor. L'episodio segna l'ingresso ufficiale degli USA nel conflitto

Social

newTwitter newYouTube newFB