Lecco, 08 novembre 2018   |  

I 100 anni della Grande Guerra: immagini lecchesi dal fronte

di Giancarlo Airoldi

Fotografie storiche appartenenti a militari e persone originarie del nostro territorio.

Le immagini della mostra “La Grande Guerra: fotografie dal fronte” diventano un video. L'esposizione era stata realizzata dal fotografo lecchese Giancarlo Airoldi nel novembre 2016, in occasione dell'inizio delle commemorazioni per i 100 anni dall'inizio della Grande Guerra e oggi, a ricordo dell'anniversario dalla fine del primo conflitto bellico, diventa un suggestivo filmato, realizzato dallo stesso Airoldi in collaborazione con Federico Cattaneo.

Le immagini raccontano il contributo lecchese alla Grande Guerra: non sono foto ufficiali, ma realizzate dei soldati e che dunque raccontano la vita reale al fronte. Dalle mostrine e dai berretti è possibile stabilire che si tratta di soldati lecchesi che erano impiegati con le brigata Lambro e la brigata Lombardia e che hanno partecipato alla sanguinosa battaglia per la presa di Gorizia che costò la vita a 22mila italiani.

Diverse le particolarità presenti nelle immagini: dalle maschere antigas alle crocerossine volontarie, dagli scatti realizzati con moderne (per l'epoca) macchine fotografiche a vetture alimentate a carbonella, fino alle drammatiche immagini della battaglia e agli orrori della guerra.

Giancarlo Airoldi ha recuperato il materiale originario e in alcuni casi ha effettuato anche un lavoro di “restauro” delle immagini storiche appartenenti a militari e persone originarie del nostro territorio. Infatti le fotografie sono state recuperate principalmente grazie alla collaborazione dell’Ana di Ballabio.

Un omaggio dunque alla Grande Guerra, non come esaltazione dell'impresa bellica o dell'eroismo, ma come racconto, crudo, umano e drammatico, delle vicende che un secolo fa coinvolsero cittadini e militari italiani.

 

 

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Novembre 1903 il Partito Social Democratico dei Lavoratori Russo si scinde in due gruppi; i Bolscevichi (che in russo significa "maggioranza") e i Menscevichi ("minoranza")

Social

newTwitter newYouTube newFB