Roma, 15 novembre 2017   |  

Ho incontrato Francesco

di Gabriella Stucchi

Un libro attraente, che aiuta a meglio conoscere la figura di papa Francesco attraverso atti privati, spontanei e per questo assai utili per conoscere più intimamente la sua personalità.

Ho incontrato Francesco

Alessandra Buzzetti (vaticanista di NewsMediaset) e Cristiana Caricato (vaticanista di TV2000) raccolgono le impressioni di persone che hanno avuto la gioia di incontrare di persona papa Bergoglio e di coglierne il fascino.

Mahmoud Abbas, presidente dello Stato di Palestina, ha incontrato cinque volte Francesco, «una persona che ama la pace, piena di amore e di forza». Con la Santa Sede abbiamo firmato l’accordo bilaterale in cui è riconosciuto lo Stato della Palestina con Gerusalemme come capitale, vivendo fianco a fianco, in pace, con Israele.

Annette Schavan, ambasciatore di Germania presso la Santa Sede dichiara che tra Angela Merkel e papa Francesco c’è un «reciproco rispetto che deriva da simpatia personale e dai rispettivi compiti»...La cancelliera apprezza il rifiuto di ogni trionfalismo. I rapporti tra Chiesa tedesca e quella di Roma non sono mai stati dei più tranquilli. Di papa Francesco l’ambasciatore rileva la «discrezione e la grande attenzione verso chi ha di fronte».

«Diplomazia della misericordia»: così è definito da Juan Manuel Santos, Presidente della Colombia, l’incontro avuto in Vaticano con Alvaro Uribe Vélez che lo aveva contestato e che ha portato all’accordo tra governo e Farc (Forze armate rivoluzionarie Colombia). «Non si fermi, vada avanti» - le parole dette dal Papa, in un processo che è stato e continua ad essere molto difficile.

Tra gli “Incontri imprevisti” quello di Luigi Berlinguer (che fu Ministro della Pubblica Istruzione) durante una catechesi del mercoledì. Un incontro di pochi secondi, ma sorprendente per l’approccio del Papa, aperto al dialogo: «Francesco è un uomo che interpreta al meglio le esigenze di un comportamento progressista verso la società.. è un punto di riferimento, ci sta insegnando moltissimo» dice Berlinguer.

Ruth Dureghello (Presidente della Comunità ebraica di Roma): «Francesco è una persona che manifesta attraverso l’espressione del volto i propri sentimenti: sofferenza fuori del Tempio; davanti alla targa che ricorda la morte di Stefano Gaj Taché. All’interno del tempio non la solita visita istituzionale, ma spontaneità, naturalezza, umanità».

Nel capitolo “La Chiesa, le Chiese” Bartolomeo, Patriarca ecumenico di Costantinopoli, parla di «Mio fratello Francesco», sottolineando come il rapporto con papa Francesco è caratterizzato anche da una dimensione personale, che ha «un ruolo vitale nel cammino di riconciliazione tra le nostre Chiese, Chiese sorelle impegnate con lo stesso Signore per affrontare insieme le questioni di interesse comune».

Tawadros II (Papa della Chiesa ortodossa copta) afferma che nella prima visita in Vaticano, ospite della Residenza Santa Marta, seduto più volte a tavola accanto a Francesco, ha sentito la sua delicatezza spirituale e insieme hanno deciso di pregare l’uno per l’altro ogni giorno. «La voce di papa Francesco è ora considerata dagli egiziani una voce da ascoltare. Li ha incoraggiati ad avere buone relazioni tra loro, ha lanciato un appello per la pace. Tutti gli egiziani sono rimasti contenti».

Antje Jackelén (Arcivescovo luterano di Uppsala) ricorda con commozione la commemorazione comune a Lund per i 500 anni dalla Riforma: un segno tangibile di speranza.

Ci sono pure persone comuni: Javier Zanetti, ex calciatore, vicepresidente dell’Inter, che incontra Francesco a S. Marta con la sua famiglia. Uno scambio molto vivo, non solo sullo sport, sul calcio, di cui il papa si dimostra appassionato, ma anche sulla situazione politica in Argentina, dove Zanetti ha dato vita ad una Fondazione che offre ospitalità ogni giorno a duecento bambini e aiuto a più di mille persone. Dice: «Il papa ha buon senso e un autentico interesse per il bene comune, è attento anche alle sfumature...».

La cantante Rita Pavone a Santa Marta: «Francesco sta cercando di ricomporre, di ricompattare la Chiesa...».

Tante figure, di ognuna delle quali le due autrici costruiscono la storia nei tratti essenziali, facendo intravedere anche le note caratteristiche dell’ambito in cui operano.

Un libro attraente, che aiuta a meglio conoscere la figura di papa Francesco attraverso atti privati, spontanei e per questo assai utili per conoscere più intimamente la sua personalità.

Alessandra Buzzetti – Cristiana Caricato: “Ho incontrato Francesco” Paoline- euro 22.00.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Novembre 2007 a Novara viene beatificato don Antonio Rosmini, autore dell'opera Delle Cinque Piaghe della Santa Chiesa e fondatore dell'Istituto della Carità

Social

newTwitter newYouTube newFB