Lecco, 26 maggio 2017   |  

Hackathon Marathon: al Badoni di Lecco la 24 ore di informatica

di Maria Francesca Magni

Una gara per lo sviluppo di soluzioni creative che consenta una pianificazione di idee progettuali, test sotto stress e team-work.

hackaton badoni2

Alle ore 11 di Venerdì 26 maggio 2017 è cominciata la maratona di informatica dei 17 gruppi di studenti delle classi: 3^infoA, 3^infoB, 4^infoA, 4^infoB, 5^infoA, 5^infoB e della classe 4^Telecomunicazioni dell'Istituto Badoni nell'Aula Gialla, con l'appello dei team leader e la presentazione dei temi su cui cimentare la bravura e la fantasia delle squadre partecipanti.

Le modalità del lavoro da svolgere vengono illustrate dagli imprenditori Balzaretti Mario e Gattinoni Roberto di Softeam S.p.A. di Lecco con i collaboratori: Dardano Nicola e Tentori Davide che consegnano agli studenti le magliette grigie con il logo della manifestazione.

Softeam ha ha proposto alla scuola di far emergere i talenti con Hackaton, la gara informatica di 24 ore nostop per lo sviluppo di soluzioni creative che consente una pianificazione di idee progettuali e valorizza il team-work.

hackaton badoniNei corridoi della scuola si sente parlare solo di app, chat e nuove tecnologie. “Hackaton è una competizione che permette di dare libero sfogo alla creatività per mettere alla prova abilità e conoscenze informatiche. E' la prima esperienza per il Badoni, ed è la prima volta che succede in Provincia” afferma la prof.ssa Emma Alborghetti.

“La maratona informatica è un modo per le aziende del settore di sviluppare la comunicazione che tiene conto della lingua dei giovani” aggiunge la prof.ssa Sara Giorgi.

I proff. Valerio Sala e Giuseppe De Pietro con le proff.sse Alborghetti e Giorgi assisteranno gli studenti per tutto il tempo. Entro le 20.30 verranno eliminati circa 10 gruppi. I rimanenti continueranno a lavorare per tutta la notte sino alle ore 11 del 27 Maggio 2017. La Giuria, formata dai citati professori e rappresentanti di Softeam, più il Dirigente Scolastico, valuterà i lavori. Alle ore 14 si svolgerà la premiazione del lavoro migliore, consegnando al team vincente 2mila euro messo in palio da Softeam.

Ma ogni docente sa che tutte le idee degli studenti che si tradurranno in progetti questa notte, manterranno ex aequo una dimensione romantica perchè su quei video ci saranno i sogni e le passioni di giovani che credono ancora nel domani.

Dopo qualche ora alcuni studenti sbadigliano, altri continuano a scivere, chi beve un caffè, chi sorride davanti al proprio lavoro, qualcuno dorme sul pc..., ma il pensiero di tutti vola verso il futuro.

La competizione riguarda 2 temi da sviluppare a scelta dei gruppi in gara:
- tema A: Evoluzione Simulata. Si richiede di realizzare un sw in grado di simulare lo sviluppo di una colonia di individui monocellulari o bugs che cercano di sopravvivere all'interno di un ambiente bidimensionale (matrice NxM) nel quale il cibo (dei batteri immobili) viene distribuito in modo pseudo-causale...
Obiettivo del lavoro: ottenere un mondo in cui si raggiunga un equilibrio tra consumo di risorse e miglioramento delle qualità di vita dei bug.
- tema B: Il problema della merenda. Si richiede di progettare un sistema sw in grado di migliorare la distribuzione della merenda durante l'intervallo in un istituto scolastico generico (il Badoni è un esempio)...
Obiettivo del lavoro: evitare situazioni di caos al banco vendita del fornitore o uscite in anticipo dall'aula per evitare l'affollamento.

Sono le 20. I ragazzi sono concentrati e attenti a definire le funzioni principali e secondarie del progetto, a realizzare mockup, a definire l'aspetto grafico e un prototipo funzionante del sistema. Spiegano, fanno sintesi, producono slide, creano branding...
I nostri studenti sono consapevoli del loro contributo alle aziende, perchè hanno il coraggio di scommettere su soluzioni azzardate, magari scomode, ma innovative e piene di brio.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Settembre 1783 i fratelli Montgolfier presentano l'aerostato detto "ad aria calda" che viene innalzato alla presenza del re Luigi XVI, nei giardini di Versailles. L'aerostato prende poi il nome di mongolfiera.

 

Social

newTwitter newYouTube newFB