Lecco, 08 marzo 2018   |  

Fabio Buzzi polverizza il record di velocità sull'acqua

Il record è stato stabilito, quando l'avveniristico scafo rosso "a tre punti” ha raggiunto la velocità di 277.515 Km/h

1P99525

Lago di Como, 8 marzo 2018: Fabio Buzzi ha conquistato, ieri 7 marzo sul lago di Como, il nuovo Diesel Powerboat World Speed Record, il record di velocità sull' acqua con un'imbarcazione da lui stesso progettata e realizzata dalla sua azienda FB Design, leader mondiale nella costruzione di scafi ad alte prestazioni per organizzazioni governative in tutto il mondo, che proprio in questi giorni si è aggiudicata un'importantissima gara della Guardia di Finanza Italiana per la fornitura di un'intera classe di velocissime vedette di 18 metri.

Il record è stato stabilito, quando l'avveniristico scafo rosso "a tre punti” ha raggiunto la velocità di 277.515 Km/h, alla presenza dei funzionari del Guinness World Records, che hanno certificato il record dopo le verifiche di rito, effettuate con una procedura che garantisce una precisione al millesimo di secondo grazie a rilevamenti e misurazioni effettuate esclusivamente per via elettronica.

Fabio Buzzi, visibilmente soddisfatto, appena rientrato all'ormeggio ha dichiarato: "Oggi è un giorno speciale e voglio ringraziare prima di tutto la la mia squadra senza la quale tutto questo non sarebbe stato possibile e con loro la Guardia di Finanza, I Carabineri, l'amministrazione Comunale di Lecco e tutti coloro che hanno collaborato a questo risultato."

La storia di questo record comincia nel 1939 con Gert Luerssen, il grande costruttore tedesco che raggiunse 68 km/h. Nel 1967 l'americano Don Aronow, inventore dei famosi Cigarette, fu il primo ad abbattere il muro dei 100 km/h. Dieci anni dopo nel 1977 Tulio Abbate raggiunse i 140 km/h, record superato due anni dopo (1979) da Fabio Buzzi con 191 km/h con un motore VM. Il primo a superare i 200 km/h è però stato il finanziere milanese Carlo Bonomi nel 1982 a Venezia. Bonomi raggiunse i 213 km/h con un motore Isotta Fraschini. Sempre Bonomi, nel 1985, riuscì a battere se stesso grazie a un piccolo FIAT di soli 5.7 litri, portando il record a 218 km/h. Nel 1992 Fabio Buzzi, torna in possesso del record con una velocità di 252 km/h, grazie al motore Seatec.

La missione di FB Design e FPT Industrial è sempre stata quella di innovare il settore del racing per scoprire e testare nuove soluzioni tecnologiche e ottenere risultati che possano essere applicati alla produzione di serie. Lo scafo che ha conquistato il record era guidato dallo stesso Buzzi, che ha così battuto il suo precedente primato di velocità, già stabilito nel 1992 con 252 Km/h. Questa grande sfida è stata vinta grazie agli sforzi e alla passione delle due aziende, che continuano ad accumulare successi dopo più di 35 anni di collaborazione. Durante questo lungo periodo, FB Design e FPT Industrial hanno conquistato insieme 15 titoli mondiali, più di 100 vittorie – sia in acque italiane che internazionali – e vari record, arricchiti ora da quello certificato dal Guinness World Records. In queste tre decadi, e ancora di più adesso, la missione di FPT Industrial e FB Design è stata quella di innovare nella nautica dimostrandolo con le competizioni di velocità sull' acqua, e lo scafo supertecnologico in carbonio dotato di innumerevoli innovazioni teconolgiche ne è la dimostrazione.

Nel caso del Diesel Powerboat World Speed Record, il precedente tempo di riferimento era quello del 1992 stabilito dallo stesso Fabio Buzzi con una velocità di 252 Km e fino a ieri ancora imbattuto. Il nuovo record appena stabilito (con 277.515 km/h) è stato certificato dal Guinness World Records, prestigiosa e storica istituzione angloassone che certifica con sistemi di misurazione ad altissimo livello tecnologico, che garantiscono una precisione al millesimo di secondo grazie a rilevamenti e misurazioni effettuate esclusivamente per via elettronica. La presenza di due certificatori ufficiali inviati sul lago di Como dal Guinness World Records ha consentito la verifica del rispetto dei regole e l'omologazione del record.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Settembre 1783 i fratelli Montgolfier presentano l'aerostato detto "ad aria calda" che viene innalzato alla presenza del re Luigi XVI, nei giardini di Versailles. L'aerostato prende poi il nome di mongolfiera.

 

Social

newTwitter newYouTube newFB