Esino Lario, 12 gennaio 2018   |  
Politica   |  Provincia

Corteo di migranti a Esino, la Lega Nord: subito espulsi

I richiedenti asilo hanno manifestato per richiedere la residenza.

corteo migranti esino

Lo spettacolo offerto oggi da un gruppo di 40 sedicenti profughi/richiedenti asilo che hanno protestato per le strade di Esino Lario, assediando il Municipio e costringendo i carabinieri ad intervenire, è stato grottesco e preoccupante”. Questa la dichiarazione del senatore lecchese della Lega Paolo Arrigoni che commenta la manifestazione improvvisata da un gruppo di richiedenti asilo per chiedere la residenza.

“Mi preme ricordare che tra i circa 1300 profughi ospitati nel lecchese solo il 3% di essi proviene da paesi in guerra o dove siano registrati episodi di persecuzione. Per l’assoluta maggioranza si tratta di migranti economici, dunque di clandestini! Tutti quelli scesi in strada a Esino – continua il Senatore – rientrano in questa seconda categoria e anziché ringraziare per aver ottenuto benefit di ogni genere: colazione, pranzo, cena, tessera telefonica, Wi-Fi e mediatori culturali al loro servizio, si arrogano il diritto di richiedere la residenza che comporterebbe ulteriori benefici!”.

“Il nostro paese, che ha 5 milioni di italiani in povertà assoluta, accoglie questa gente spendendo 35 euro al giorno e destinandoli alle diverse cooperative che possono lucrare fino a 13 mila euro l’anno per migrante! Altro che residenza… un Governo serio dovrebbe dare a tutte queste persone il foglio di via accompagnandoli uno ad uno al confine, anche per garantire la sicurezza che viene sempre più a mancare come dimostrano i casi di violenza ad opera di immigrati che avvengono sempre più spesso sui nostri treni, sugli autobus e per le strade”, conclude Paolo Arrigoni.

"Il gruppo di immigrati richiedenti asilo, immigrati africani, che non scappano da nessuna guerra, che questa mattina nel lecchese a Esino si sono rivoltati, per chiedere un'assurda residenza, assediando gli uffici comunali, minacciando gli impiegati, costringendo i Carabinieri ad intervenire, devono essere espulsi subito. Questa gente non merita di essere ospitata a spese nostre, facendo spendere 1100 ogni mesi ai contribuenti per il loro mantenimento. Via subito, senza se e senza ma. Sicuramente il ministro Minniti non lo farà, ma sicuramente lo farà tra due mesi il prossimo Governo di centrodestra. Lo dichiarano l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda, e Flavio Nogara, segretario provinciale della Lega Nord Lecco.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Settembre 1783 i fratelli Montgolfier presentano l'aerostato detto "ad aria calda" che viene innalzato alla presenza del re Luigi XVI, nei giardini di Versailles. L'aerostato prende poi il nome di mongolfiera.

 

Social

newTwitter newYouTube newFB