Lecco, 12 ottobre 2017   |  
Provincia   |  Lombardia

Caos treni: i sindaci meratesi e casatesi scrivono alla Regione

Viene richiesto un incontro all'assessore regionale Alessandro Sorte per fare chiarezza.

E 464.193 livrea Trenord 2011

Nella mattinata di oggi, i sindaci di Lomagna e Casatenovo hanno scritto all'assessore regionale Alessandro Sorte (delegato a infrastrutture e mobilità), a nome delle Conferenze dei sindaci del Meratese e Casatese, di cui sono presidenti.

La lettera contiene una richiesta di appuntamento all'assessore: obiettivo dei sindaci è verificare con Regione la situazione generale del trasporto ferroviario lungo le linee Milano-Carnate-Lecco e Milano-Carnate-Bergamo, e approfondire in particolare tre questioni specifiche:
- i tempi di consegna ed entrata in funzione dei nuovi treni, in diverse occasioni annunciati, anche sulle linee S8 Milano‐Lecco e R Milano‐Carnate‐Bergamo, in sostituzione degli attuali, vecchi, disagevoli e sempre più soggetti a guasti;

- le azioni concrete che Regione Lombardia intende esercitare nei confronti di Trenord, affinché il gestore del servizio consegua immediati e indifferibili miglioramenti sul fronte della manutenzione del materiale rotabile;

- le azioni che Regione Lombardia intende intraprendere, per consentire la realizzazione del punto di comunicazione e interscambio nella stazione di Olgiate Molgora, che è stato inserito nel Programma regionale della mobilità e dei trasporti ma che rimane da finanziare, e che potrebbe consentire rilevanti miglioramenti nella gestione delle emergenze, lungo la tratta, in occasioni simili a quelle verificatesi nelle ultime settimane.

L'iniziativa dei sindaci intende dare continuità all'azione intrapresa nello scorso luglio, al fine di rafforzare l'operato del Comitato pendolari del Meratese, in un periodo segnato da guasti, ritardi e cancellazioni dei convogli ferroviari, che creano disagi crescenti per migliaia di viaggiatori.

download pdf La lettera inviata dai sindaci meratesi e casatesi

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Ottobre 1956 migliaia di dimostranti ungheresi protestano contro le influenze e l'occupazione sovietica della loro nazione (la Rivoluzione ungherese verrà stroncata il 4 Novembre)

Social

newTwitter newYouTube newFB