Lecco, 13 gennaio 2021   |  

Brexit, dalla “guerra al panino” rischi per 3,4 mld di export agroalimentare italiano

Trezzi: “Anche Grana Padano e prodotti made in Lario sono in predicato di essere colpiti. Le province di Como e Lecco meta di turismo per gli inglesi e importante vetrina per il made in Italy”

brexit 3575383 640

Lo stop ai panini al prosciutto ai viaggiatori provenienti dalla Gran Bretagna? Da non sottovalutare, perché può essere la punta di un iceberg molto pericoloso, “che rischia di scatenare una guerra commerciale che mette in pericolo 3,4 miliardi di esportazioni agroalimentari Made in Italy in Gran Bretagna che è l’unico settore cresciuto Oltremanica nel 2020 (+1%) nonostante la fase recessiva provocata dalla pandemia”.

Lo rimarca il presidente di Coldiretti Como Lecco Fortunato Trezzi che interviene sui pericolosi effetti del “caso” della confisca da parte di funzionari doganali olandesi di panini al prosciutto e altro cibo a viaggiatori e camionisti provenienti dal Regno Unito sulla base delle norme post-Brexit le quali prevedono che dal 1° gennaio 2021 non sarà più possibile portare nell'UE i cosiddetti POAO (prodotti di origine animale) come quelli contenenti carne o latticini sulla base del rispetto delle elevate norme sanitarie e fitosanitarie (SPS) dell’UE.

La Gran Bretagna – sottolinea la Coldiretti – si classifica al quarto posto tra i partner commerciali italiani per cibo e bevande dopo Germania, Francia e Stati Uniti. Dopo il vino, che complessivamente ha fatturato nel 2019 sul mercato inglese quasi 771 milioni di euro, spinto dal Prosecco Dop, al secondo posto tra i prodotti agroalimentari italiani più venduti in Gran Bretagna ci sono i derivati del pomodoro, ma rilevante è anche il ruolo della pasta, dei formaggi, salumi e dell’olio d’oliva. Importante anche il flusso di Grana Padano – prodotto anche con il latte made in Lario - e Parmigiano Reggiano per un valore attorno ai 85 milioni di euro.

“Un flusso commerciale che rischia di essere messo a rischio dalle tensioni alle frontiere che possono trasformarsi in ritardi, particolarmente dannosi soprattutto per i prodotti deperibili come gli alimentari. La mancanza nell’accordo sulla Brexit, come quello sull’equivalenza delle norme fitosanitarie per non parlare della tutela delle nuove produzioni a indicazioni geografiche dell’UE sono aspetti che potrebbero tradursi in pesanti penalizzazioni per l’agroalimentare italiano, che è leader in Europa nella qualità alimentare. Ciò interessa anche le nostre province di Como e Lecco, che sono meta turistica per i turisti inglesi che qui hanno modo di conoscere anche le eccellenze made in Lario come formaggi, salumi e vino. Bisogna fare in modo che l’agroalimentare diretto Oltremanica non venga penalizzato da un possibile deterioramento dei rapporti tra le parti, con inutili accanimenti burocratici a danno dei prodotti di alta qualità”.

Il rischio è peraltro che – conclude Coldiretti Como Lecco – si affermi in Gran Bretagna una legislazione sfavorevole alle esportazioni agroalimentari made in Lario come ad esempio l’etichetta nutrizionale a semaforo sugli alimenti che si sta diffondendo in gran parte dei supermercati inglesi e che boccia con bollino rosso ingiustamente quasi l’85% del Made in Italy a denominazione di origine (Dop), compresi prodotti simbolo del Made in Italy dall’extravergine di oliva al prosciutto di Parma, dal Grana Padano al Parmigiano Reggiano.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Gennaio 1789 il Georgetown College di Washington diventa il primo college cattolico degli Stati Uniti

Social

newTwitter newYouTube newFB