Milano, 14 settembre 2017   |  

Ancora un'inchiesta sulla sanità: coinvolti tre medici lecchesi

La Guardia di Finanza ha svelato un articolato meccanismo corruttivo, ideato e realizzato dai rappresentanti di una società produttrice di protesi

CroppedImage720439 medici komC 258x258Quotidiano Sanita Web

I Finanzieri del Comando Provinciale di Milano questa mattina hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare disposta dal GIP di Monza nei confronti di 21 persone.

L’indagine, svolta dal Nucleo di Polizia Tributaria di Milano e coordinata dalla Procura della Repubblica di Monza, ha consentito di svelare un articolato meccanismo corruttivo, ideato e realizzato dai rappresentanti di una società produttrice di protesi, con il coinvolgimento di diversi medici chirurghi specialisti in ortopedia.

Secondo la Procura infatti alcuni chirurghi del Policlinico di Monza avrebbero favorito la Ceraver Italia Srl, comprando a spese degli ospedali protesi ortopediche e moltiplicando il numero delle operazioni. L’accusa è di aver agito “per aumentare gli utili” di una multinazionale francese “anche a discapito della salute pubblica”. In cambio hanno ottenuto denaro, regali, viaggi, vacanze, assunzioni di personale. Sempre per aumentare i guadagni, secondo gli inquirenti, venivano “reclutati” pazienti da regioni diverse dalla Lombardia, in modo da ottenere rimborsi pubblici maggiori.

In carcere sono finiti gli ortopedici brianzoli Fabio Bestetti, Claudio Manzini e Marco Valadè, assieme al promoter di Ceraver Marco Camnasio e Denis Panico, responsabile commerciale della multinazionale. Tutti sono accusati, in concorso tra loro, di corruzione e associazione a delinquere.

Arresti domiciliari, invece, per altri ortopedici e medici di base, 9 in totale. Altri sei indagati a piede libero e sospesi dalla professione. Tra essi tre professionisti operanti nel lecchese: Davide Cantù di Lecco (domiciliari), Michele Bonanomi di Merate e Olga Franchini di Lecco (denunciati).

Secondo la Procura i dottori di base – tutti accusati di corruzione – sarebbero stati, con differenti livelli di responsabilità, complici del meccanismo messo in atto dalla multinazionale francese mettendo a disposizione degli ortopedici i propri studi medici e reclutando pazienti bisognosi di protesi, in particolare tra gli anziani, in cambio di una percentuale sulle visite degli specialisti.

Le indagini del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Milano, coordinate dal Pubblico ministero Manuela Massenz, si sono svolte tra il 2014 e il 2017 e hanno avuto origine da una denuncia di un dipendente del Policlinico di Monza.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Novembre 2005  Angela Merkel è il nuovo cancelliere della Repubblica Federale Tedesca, prima donna a ricoprire questa carica in Germania

Social

newTwitter newYouTube newFB