Lecco, 17 aprile 2018   |  

Al via la nuova stagione della Filodrammatica Juventus Nova

di Rosa Valsecchi

Sabato 21 aprile debutta al cenacolo la commedia “Dopu trii dé, el pèss el spüzza”

juventus nova dialetto

La Filodrammatica Juventus Nova di Belledo si prepara per una nuova stagione. Il 21 e 22 aprile debutterà sul palco del Cenacolo Francescano con “Dopu trii dé, el pèss el spüzza”, libero adattamento dialettale della compagnia di teatro lecchese della commedia brillante in tre atti “I' Pesce” di Antonella Zucchini. Nel 2017 la Juventus Nova ha tagliato l’importante traguardo dei 70 anni di attività, un anniversario festeggiato insieme ad amici e sostenitori. «Oggi la compagnia è composta da oltre 20 persone che ricoprono diversi ruoli sia in scena sia dietro le quinte» racconta Mauro Marini, da 8 anni regista della Filodrammatica Juventus Nova.

Nata nell’immediato dopoguerra (1947) su iniziativa di un gruppetto di giovani guidati dal compianto Luigi Corti, che ne è stato il responsabile per più di cinquant'anni, la compagnia fa parte integrante della Parrocchia di Belledo e in oltre sessant'anni di vita ha visto l’avvicendarsi di tante persone di tutte le età che, animate dalla stessa passione, hanno svolto una meritevole attività vivendo in prima persona tutte le stagioni, più o meno felici, del teatro amatoriale. Sono più di un centinaio i lavori allestiti dalla Compagnia, che si è cimentata con qualunque genere di testo.

Negli ultimi anni la scelta è ricaduta sempre sui testi in dialetto, caratteristica che distingue la Juventus Nova da tutte le altre compagnie teatrali del territorio. «In questi 30 anni - rimarca Marini - abbiamo sempre puntato sul dialetto e ormai siamo rimasti gli unici a farlo, una scelta che il pubblico che ci segue con tanto affetto ha sempre premiato, ma che ci penalizza un po’ dal punto di vista del ricambio generazionale». Ora l’attesa è però tutta per il debutto del 21 aprile, che porterà in scena la commedia ambientata a Lecco, negli anni ‘50, e che avrà come protagonista Alfredo “il pesce”, interpretato da Aldo Ghislanzoni.

download pdf Locandina Spettacolo

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

13 Dicembre 1294 papa Celestino V abdica, compiendo il dantesco Gran Rifiuto

Social

newTwitter newYouTube newFB