Lecco , 25 novembre 2021   |  

Agroalimentare a filiera corta, balzo dell’11%

Mentre per il made in Italy, nei primi nove mesi dell’anno si registra il record storico delle esportazioni, con un +12% per un valore che raggiungerà a fine anno i 52 miliardi

harvest g8bd1b672b 640

L’agroalimentare made in Lombardia reagisce alla crisi generata dalla pandemia Covid19 facendo registrare un balzo dell’11% nelle esportazioni nei primi sei mesi del 2021 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. È quanto emerge dall’analisi di Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al commercio estero, in occasione della sesta edizione della Settimana della Cucina Italiana nel mondo in corso fino al 28 novembre con l’obiettivo di promuovere le eccellenze della cucina del Belpaese in 110 nazioni tramite la rete di ambasciate, consolati, istituti italiani di Cultura, uffici ICE e Camere di commercio all’estero. Non solo: è sempre più evidente il ruolo della cucina a filiera corta, che trova un’attenzione crescente anche nella ristorazione gourmet, con un “ritorno alla tradizione” che privilegia gli acquisti diretti dai produttori agricoli e una presenza sempre più incisiva del “chilometro zero” anche nella cucina di tendenza.

A livello nazionale – spiega Coldiretti Como Lecco – nei primi nove mesi dell’anno si registra il record storico delle esportazioni di cibo tricolore con un +12%, per un valore raggiungerà a fine anno i 52 miliardi, il massimo di sempre, se il trend sarà mantenuto. Un risultato ottenuto nonostante le difficoltà degli scambi commerciali e il lockdown in tutti i continenti della ristorazione, che ha pesantemente colpito la cucina italiana, e l’insopportabile diffusione di imitazioni in tutti i continenti.

“Dal falso Parmigiano alle imitazioni del prosecco, l’agroalimentare Made in Italy taroccato ha superato i 100 miliardi di euro, quasi il doppio delle esportazioni di cibo italiano nel mondo. Per colpa del cosiddetto “italian sounding” – evidenzia Fortunato Trezzi, presidente della Coldiretti interprovinciale – più due prodotti agroalimentari tricolori su tre nel mondo sono falsi, senza alcun legame produttivo ed occupazionale, togliendo così opportunità economiche e lavorative al nostro Paese. Con la lotta al falso Made in Italy a tavola si possono creare ben 300mila posti di lavoro in Italia”.

L’emergenza sanitaria Covid ha provocato una svolta salutista nei consumatori a livello globale che hanno privilegiato la scelta nel carrello di prodotti alleati del benessere come quelli della dieta mediterranea. E sulle vendite all’estero si registra anche un impatto positivo delle vittorie sportive che hanno dato prestigio all’immagine del Made in Italy.

Tra i principali clienti del tricolore a tavola ci sono gli Stati Uniti che si collocano al secondo posto con un incremento del 17% nel periodo gennaio-agosto 2021. Positivo l’andamento anche in Germania che si classifica al primo posto tra i Paesi importatori di italian food con un incremento del 7%, pari a quello della Francia (+7%) che è stabile al terzo posto mentre al quarto è la Gran Bretagna dove però le vendite sono stagnanti a causa delle difficoltà legate alla Brexit, tra le procedure doganali e l’aumento dei costi di trasporto dovuti a ritardi e maggiori controlli. Fra gli altri mercati – evidenzia la Coldiretti – si segnala la crescita del 15% in quello russo e del 47% su quello cinese.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

7 Dicembre 1941 seconda guerra mondiale: i giapponesi attaccano la base navale statunitense di Pearl Harbor. L'episodio segna l'ingresso ufficiale degli USA nel conflitto

Social

newTwitter newYouTube newFB