Varenna, 12 agosto 2017   |  
Cronaca   |  Cultura

A Villa Moastero di Varenna 45.000 visitatori da Gennaio

Rispetto ai dati dello scorso anno l'aumento di coloro che hanno fatto visita alla storica dimora di proprietà della Provincia di Lecco è stato di quasi il 20 per cento.

aCroppedImage720439 varenna villamonastero2

Varenna, Villa Monastero. il giardino

La storica dimora di proprietà della Provincia di Lecco conferma l’incremento di visitatori, desiderosi di passeggiare nel Giardino Botanico e di ammirare le sale della Casa Museo. Nel mese di luglio 2017 i visitatori sono stati 12.073, con un aumento del 21,58% rispetto a luglio 2016, che si era chiuso con 9.468 visitatori.

Numeri che portano il totale dei visitatori da gennaio a luglio 2017 a quota 44.920, con un aumento del 19,19% rispetto al medesimo periodo del 2016, in cui i visitatori furono 36.299.

Per tutto il mese di Agosto e fino a domenica 3 Settembre, nella Casa Museo e nello spazio espositivo di Villa Monastero a Varenna, è possibile visitare la mostra “Paesaggio e lavoro - scene di vita quotidiana, un percorso pittorico nell’800 attraverso le collezioni private lombarde”.

La mostra è curata dal conservatore della Casa Museo Villa Monastero Anna Ranzi in collaborazione con Art Studio Pedrazzini.

Il biglietto d’ingresso è di 8 euro (5 euro solo il Giardino), mentre l’ingresso ridotto per persone con più di 65 anni, gruppi composti da più di 10 persone, soci Touring, ragazzi dai 12 ai 18 anni e studenti dai 18 ai 24 anni è di 5 euro (3 euro solo il Giardino); l’ingresso è gratuito per bambini da 0 a 11 anni compiuti, persone diversamente abili, tesserati ICOM, possessori di Abbonamento Musei Lombardia Milano e residenti a Varenna. Inoltre sono attive diverse convenzioni, che consentono ai visitatori di usufruire di riduzioni e agevolazioni.

Per informazioni www.villamonastero.eu, www.facebook.com/villamonasterolc, www.instagram.com/villamonastero/.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Ottobre 1956 migliaia di dimostranti ungheresi protestano contro le influenze e l'occupazione sovietica della loro nazione (la Rivoluzione ungherese verrà stroncata il 4 Novembre)

Social

newTwitter newYouTube newFB