Lecco, 23 febbraio 2019   |  

A Palazzo delle Paure la mostra "Nel segno della montagna"

di Giancarlo Airoldi

Realizzata con le donazioni di Raffaele Bonuomo, Giuliano Cantaluppi, Pietro Sala, Giandomenico Spreafico e Giovanni Ziliani.

MOSTRA NEL SEGNO DELLA MONTAGNA 028

Dalle donazioni di importanti fotografi come Bonuomo, Cantaluppi, Sala, Spreafico e Ziliani è nata la mostra "Nel segno della montagna", inaugurata quest'oggi a Palazzo delle Paure, realizzata in collaborazione con Assocultura-Confcommercio in occasione del Festival Leggermente.

Il nuovo nucleo delle donazioni, devolute a favore del Comune di Lecco dagli stessi autori Raffaele Bonuomo, Giuliano Cantaluppi, Pietro Sala, Giandomenico Spreafico e Giovanni Ziliani, offre l’opportunità di trattare la montagna sullo sfondo del mondo contemporaneo, tracciando un’ipotetica linea di sviluppo sull’iconografia della montagna lecchese tra le pietre miliari dell’innovazione tecnica.

MOSTRA NEL SEGNO DELLA MONTAGNA 001Se fotografi come Spreafico e Cantaluppi sono ancora esperti della camera oscura, maghi manipolatori delle carte baritate tanto da fare invidia ai più avveduti utilizzatori dell’odierno Photoshop; Bonuomo, Ziliani e Sala sembrano aver appreso le possibilità offerte dal mondo digitale, pur avendo ancor salde conoscenza e competenza in ambito analogico, risultando così soluzioni inedite, immagini dalla forte connotazione individuale, garantita dagli ampi margini di intervento dalla tecnologia fotografica 2.0.

La mostra curata da Luigi Erba, Barbara Cattaneo e Daniele Re, resterà visitabile dal 24 febbraio al14 aprile da martedì a venerdì dalle 9.30 alle 19, sabato e domenica dalle 10 alle 19 al costo d'ingresso di 2 euro. La mostra inaugura sabato 23 febbraio al Palazzo delle Paure alle 18 con ingresso libero.

"Si tratta di donazioni - spiega l'assessore alla cultura del Comune di Lecco Simona Piazza - che hanno arricchito il patrimonio della fototeca del Sistema muselea lecchese e omaggiano la città con splendidi scatti dedicati all’elemento principe del nostro territorio, la montagna, nonchè alla storia e agli abitanti della Lecco tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento. Ai donatori e al curatore Luigi Erba, va il nostro più sentito ringraziamento per l’attenzione e la sensibilità verso l’arte e le nostre collezioni museali”.

MOSTRA NEL SEGNO DELLA MONTAGNA 005"Per il quarto anno di fila, l'esposizione di apertura dell'anno da parte del Comune di Lecco diventa ideale anteprima di Leggermente, la manifestazione di promozione della lettura organizzata da Assocultura Lecco con il contributo di istituzioni e partner. All'interno di questa proficua collaborazione in ambito culturale con il Comune di Lecco verranno proposti laboratori e visite guidate per le scuole che vanno da quelle dell'infanzia alla secondaria di secondo grado: siamo sicuri che anche quest'anno gli studenti e i docenti apprezzeranno le attività didattiche proposte", sottolinea Antonio Peccati, presidente di Confcommercio Lecco e presidente di Assocultura Lecco.

"Ma non è di minore rilevanza, né per l'associazione né per il sottoscritto - prosegue il presidente Peccati - il tema a cui è dedicata la mostra, ovvero la montagna. Le nostre cime e le nostre vette, che hanno contribuito a rendere Lecco famosa nel mondo, oltre a suscitare ricordi e memorie del passato devono diventare sempre più un asset per valorizzare, anche in chiave di attrazione e sviluppo turistici, un territorio unico al mondo".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Maggio 1986 la Comunità Europea adotta la bandiera europea

Social

newTwitter newYouTube newFB