Monticello Brianza, 15 aprile 2014   |  
Cultura   |  Provincia

Successo per l'iniziativa "Longobardi alle radici della nostra storia"

Marco Benedetti: In questi due giorni abbiamo valorizzato il patrimonio longobardo in provincia di Lecco, sottolineando gli aspetti originali ed evidenziando l’evoluzione dell’identità locale.

ASSESSORI E ORGANIZZATORI MOSTRA VILLA GREPPI

L’Assessore alla Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni della Provincia di Lecco Marco Benedetti esprime soddisfazione per il grande successo di pubblico della due giorni dedicata ai Longobardi, che si è tenuta sabato 12 e domenica 13 aprile presso il Consorzio Villa Greppi di Monticello Brianza: «Abbiamo sostenuto e promosso con forza questa iniziativa perché i Longobardi appartengono alla storia del nostro territorio e rappresentano un elemento fondamentale delle nostre radici, avendo lasciato tracce nella toponomastica, nei nomi, nei cognomi, nella lingua locale. In questi due giorni abbiamo valorizzato il patrimonio longobardo in provincia di Lecco, sottolineando gli aspetti originali ed evidenziando l’evoluzione dell’identità locale; solo attraverso la comprensione e il ricordo del passato è possibile dare un senso di appartenenza a una comunità e consolidare un sentimento d’identità sociale forte e duraturo nella popolazione del nostro territorio. Ringrazio l'Assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini, che ci ha onorato della sua presenza nella giornata di domenica, dimostrando di avere a cuore le tematiche culturali e identitarie del nostro territorio».

"Una manifestazione storico-rievocativa molto interessante e coinvolgente, organizzata con accuratezza e spirito didattico che ha consentito di ripercorrere la storia dei Longobardi e la loro cultura". Così l'assessore alle Culture, Identitì e Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini a margine della manifestazione dedicata alla storia dei Longobardi che si è svolta oggi a Monticello Brianza Dalle tipologie di armi, - ha continuato l'assessore - al rito funebre, dall'arte della tessitura alla ricostruzione del campo militare, dalla mostra di suppellettili al lancio della scure: una serie di attività alla riscoperta del nostro passato. L'azione di Regione Lombardia - ha concluso l'assessore - è volta proprio a sostenere e incentivare tutte quelle iniziative che custodiscono le nostre tradizioni soprattutto per i nostri giovani".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Giugno 1980 il Dc9 I-Tigi Itavia Ih870, in volo da Bologna a Palermo, partito con due ore di ritardo, esplode nei cieli a Nord di Ustica, 81 le vittime, di cui 13 bambini

Social

newTwitter newYouTube newFB