Lecco, 11 marzo 2015   |  

Per Expo Lecco raccontata da Giorgio de Chirico

di Stefano Scaccabarozzi

Dal 13 Giugno al 20 Settembre Palazzo delle Paure ospiterà un'esposizione dedicata al maestro della metafisica e alla sua visione della nostra città.

Dopo il successo della mostra dedica a Pablo Picasso la nostra città torna a ospitare un'esposizione dedicata a un altro grande della storia dell'arte. Sarà infatti Giorgio de Chirico, maestro della metafisica, il protagonista della mostra-evento che il Comune di Lecco sta organizzando per Expo.

Dal 13 Giugno al 20 Settembre infatti presso Palazzo delle Paure si terrà l'esposizione “Giorgio de Chirico: una gita a Lecco”, ideata e progettata dall'architetto lecchese Giulio Ceppi, curata da Francesca Brambilla, promossa e finanziata da Regione Lombardia, Comune di Lecco e Camera di Commercio.

L'esposizione prende spunto da uno scritto dal titolo “Una gita a Lecco” del 1940 pubblicato da de Chirico su “Aria d'Italia”, rivista ideata da Daria Guarnati ed edita a Milano tra il 1939 e il 1941, come progetto di “valorizzazione del patrimonio artistico italiano”.

“Una gita a Lecco”, opera ritrovata dallo stesso architetto Ceppi, racconta il viaggio in macchina da Milano a Lecco effettuato il 17 Aprile 1939 attraverso gli occhi di de Chirico che ne realizza una narrazione visiva di alcune specificità territoriali e gastronomiche della terra lecchese. “Una gita a Lecco” inoltre costituisce di fatto il prologo del racconto principale di de Chirico Monsieur Dudron.

«Questo simpatico racconto di de Chirico – spiega Giulio Ceppi - è il pretesto per parlare di Lecco e di cosa significa essere creativi oggi. De Chirico costruisce una sua geografia immaginaria fatta di riferimenti culturali e artistici semplicemente prendendo la macchina e venendo a Lecco a mangiare lumache. Villa Manzoni, il Caleotto, il San Martino e il Resegone sono i quattro elementi che più lo impressionano della nostra città».

 

La mostra comprenderà alcuni capolavori originali e opere significative di Giorgio de Chirico come l' ”Autoritratto nello studio di Parigi” (prestato dalla Galleria Nazionale d'Arte Moderna e. Contemporanea di Roma), oltre a un'installazione multimediale che tradurrà in immagini e in esperienze sensoriali l'omaggio che l'artista ha reso alla città di Lecco.

Il visitatore riceverà all'ingresso copia del testo originale e una sorta di navigatore che lo guiderà tra i quattro macrotemi individuati e sviluppati in quattro aree espositive connesse e sequenziali: il viaggio, le lumache, Lecco e il territorio, la tempesta.

Ogni macrotema verrà poi illustrato e rappresentato iconograficamente con una serie di riferimenti presi dal mondo della letteratura e della mitologia, della pittura, della storia, della cultura.

Una grande parete stampata digitalmente raccoglierà poi immagini e testi, alcuni schermi offriranno riproduzioni sonore e cinematografiche, verranno proposte percezioni olfattive degli elementi narrativi del testo. Infine ogni parete avrà una connotazione cromatica specifica correlata al tema in oggetto.

Inoltre sono previsti una serie di eventi e conferenze che toccheranno le tematiche culturali, territoriali e gastronomiche: a Palazzo delle Paure si terranno approfondimenti sul de Chirico scrittore, al Politecnico verrà sviluppata l'iconografia di Lecco e il suo futuro turistico e terziario, in Camera di Commercio si affronterà il tema della ristorazione e le tematiche agro-gastronomiche.

Verranno inoltre organizzate visite guidate per adulti e bambini e si proporranno dei menù degustazioni sulle lumache. Infine lo chef stellato Theo Penati ha per l'occasione realizzato e proposto una ricetta, l'insalata De Chirico, che ha come ingrediente principali le lumache. L'esposizione è stata resa possibile da numerosi sponsor privati come Bionike, Fiocchi Munizioni, Kong, Trafilerie San Giovanni, Larioreti gas.

download pdf La ricetta dello chef Theo Penati

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Novembre 2005  Angela Merkel è il nuovo cancelliere della Repubblica Federale Tedesca, prima donna a ricoprire questa carica in Germania

Social

newTwitter newYouTube newFB