Milano, 19 luglio 2016   |  

Gli ipnotici intrecci delle borse Mochila

di Rosa Valsecchi

Le sapienti mani delle donne colombiane fanno esplodere il colore sulla “it bag” dell’estate: pezzi unici per un nuovo concetto di lusso che viene da molto lontano

mochila milano 1

Anche la moda d’estate va in vacanza, ma non certo per riposarsi. Le tendenze, soprattutto nei mesi caldi, fanno il giro del Mondo ed ecco che dagli armadi più ricercati spuntano contaminazioni dal sapore esotico e gli immancabile accessori etnici. Un mal d’Africa (e non solo) in grado di regalare anche ai look più semplici un’aria sofisticata e divertente. Tutte caratteristiche che non mancano alle Mochila, le coloratissime borse made in Colombia che da un paio d’anni sono entrate di diritto nella classifica delle borse più desiderate.

La Mochila - letteralmente sacca – non è altro che un coloratissimo gioco di intrecci realizzati dalle sapienti mani delle donne Wayuu, una popolazione che risiede nella parte nord-orientale della Colombia, al confine con il Venezuela, e che da secoli tramanda questa preziosa arte della tessitura di madre in figlia. Tanti fili di cotone tessuti a amano, artigianalmente, danno vita a un prodotto unico, sempre diverso e per questo ancora più bello. Una nuova dimensione del lusso in cui la griffe non conta, ma contano solo la materia prima, la provenienza, la lavorazione e lo straordinario know-how che sta dietro alla borsa finita.

In Italia la prima a innamorarsi delle Mochila è stata Silvia Ferrari, che da un paio d’anni con il suo marchio Mochila Milano importa borse di altissima qualità. Una carriera da buyer di accessori per i grandi marchi della moda alle spalle e un’approfondita conoscenza del mondo della tessitura hanno permesso a Silvia di fare un minuzioso lavoro di selezione e ricerca, con risultati che sono il vero valore aggiunto delle borse targate Mochila Milano. «Collaboro direttamente con questa tribù e supporto la loro comunità – spiega Silvia -. Almeno una volta all’anno vado in Colombia per pianificare il lavoro con le artigiane, tutte donne abilissime, le migliori tessitrici della popolazione Wayuu. Ogni borsa può richiedere anche 20 o 30 giorni per essere realizzata, quindi quando ho deciso di fondare il marchio Mochila Milano sono stata due mesi in Colombia per conoscere le artigiane e trovare quelle in grado di garantire il miglior prodotto».

Una livello di qualità non garantito da tutti i rivenditori di Mochila, che in qualche caso non fanno nemmeno realizzare le borse in Colombia. «Le Mochila Milano sono tutte realizzate dalle migliori tessitrici della popolazione Wayuu, con un gusto che però è molto occidentale soprattutto nella scelta e nell’abbinamento di colori». E forse è proprio questo il segreto del successo di queste borse, esplosioni di colore che ormai contano estimatrici ad ogni latitudine. Infine a rendere davvero “global” la Mochila è anche il canale di vendita, che affianca ad alcune selezionate boutique la vendita online  e l’immancabile vetrina sui social.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Settembre 1870 le truppe del Regno d'Italia entrano a Roma attraverso la breccia di Porta Pia, sancendo così l'unificazione del Paese e la fine del potere temporale dei Papi.

Social

newTwitter newYouTube newFB