Milano, 26 ottobre 2013   |  

“Señor de los Milagros”: a Milano si festeggia la tradizione peruviana

Domani, domenica 27 alle ore 11, il cardinale Angelo Scola presiederà la celebrazione in Duomo mentre questa sera ci sarà la veglia e l'invio nel mondo di 23 missionari

angeloScola

Domani, domenica 27, alle ore 11, in Duomo, l’Arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola presiederà la celebrazione “Señor de los Milagros”, una festa cara alla tradizione peruviana portata nel capoluogo lombardo dai molti immigrati provenienti dal paese sudamericano.

Dopo la Santa Messa, il rito proseguirà con una processione che partirà da piazza del Duomo alle 12.30 e giungerà alla vicina  piazza Santo Stefano all’incirca alle 17.  Il corteo procederà lungo il breve tragitto molto lentamente secondo una particolare andatura, sostando in via dell’Arcivescovado per poi proseguire fino a destinazione. Al centro del lungo corteo (sono attese 7mila persone) ci saranno gli uomini della Confraternita “Hermandad del Señor de los Milagros” incaricati i trasportare sulla portantina (anda)  l’immagine che riproduce il dipinto venerato a Lima dalla fine del 1600.

Nel 1655 un terremoto rase al suolo la città di Lima. Ma il muro sul quale si trovava un dipinto raffigurante Gesù crocifisso, realizzato da uno schiavo angolano, fu risparmiato e sopravvisse anche ai successivi sismi. I cittadini iniziarono a pregare con devozione davanti all'immagine. Le guarigioni e le grazie fecero sì che il dipinto venisse chiamato, appunto, “Signore dei Miracoli”. Gli immigrati peruviani hanno portato a Milano questa devozione: la riproduzione di quel dipinto si trova nella chiesa di Santo Stefano. Ogni anno, dal 1996, l’immagine viene portata in processione dalla Confraternita “Hermandad del Señor de los Milagros”.

 «Il cardinale Scola ha voluto inserire la celebrazione nell’ambito dell’iniziativa pastorale “Il campo è il mondo” per sottolineare che gli immigrati non sono solo portatori di bisogni ma anche di valori e di fede», sottolinea don Alberto Vitali, assistente spirituale dell’Hermandad del Señor de los Milagros.  

La celebrazione si svolgerà a poche ore dalla Veglia missionaria in programma questa sera – sabato 26 ottobre – dalle 19,30 quando il cardinale Scola si recherà alla Loggia dei Mercanti per visitare la grande mostra missionaria cui hanno aderito 24 realtà e associazioni della diocesi ambrosiana. Da lì poi si incamminerà in corteo verso il Duomo, dove alle ore 20 inizierà la Veglia

Nel corso della Celebrazione, dopo aver risposto alle domande che gli porranno i fedeli e i missionari ambrosiani impegnati nel mondo, il Cardinale affiderà il mandato con la consegna dei crocifissi a 23 missionari partenti (17 laici, tra cui 5 coppie, un sacerdote e un fratello consacrato del Pime, un religioso saveriano, 3 sacerdoti diocesani fidei donum) destinati in 14 paesi. Complessivamente, i cittadini nati nella diocesi di Milano che svolgono un servizio missionario nel mondo sono 1500.

I fedeli che partecipano alla Veglia saranno invitati a rispettare il digiuno e a versare il corrispettivo economico della cena. Quanto raccolto sarà inviato alle Pontificie opere missionarie.

 Inoltre al termine della celebrazione, con la distribuzione di 5mila cartoline, sarà anche lanciata la campagna di raccolta fondi “Per vivere non basta nascere”, con la quale la Diocesi di Milano intende sostenere l’ospedale missionario “Mtendere Mission Hospital” e curare i bambini malati di AIDS. Con la costruzione di questo ospedale a Chirudu (Zambia) cinquant’anni venne inviato il primo missionario fidei donum della Diocesi di Milano. Video su http://www.youtube.com/watch?v=9VnK13vwsQI

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Novembre 2005 il fiume Tevere esonda in Umbria e a Roma raggiunge i 12 metri, livello record che viene superato solo dai 12 metri e 41 centimetri del 1986

Social

newTwitter newYouTube newFB