Lecco, 14 dicembre 2012   |  

'Aspettiamo qualcuno': il messaggio del cardinale Scola ai bambini

La lettera di Natale dell'Arcivescovo di Milano ai fanciulli della nostra Diocesi.

bambini disegni

Natale è sicuramente la festa più attesa di tutte le feste dell’anno.
Tutti i bambini l’aspettano.
Man mano che i giorni passano, l’attesa aumenta.
Le strade si riempiono di luci e molte anche di musica.
Qua e là spuntano gli zampognari.
Si fa il presepe, l’albero di Natale, a scuola e all’oratorio si preparano
recite e spettacoli, nelle classi dei più piccoli tra voi
c’è un gran fervore di “lavoretti”, molti hanno il calendario
dell’Avvento e ogni giorno aprono
una porticina.

Si scrivono lettere a Gesù Bambino o a Babbo Natale,
che mi piace immaginare come un vecchietto simpatico
che gli fa da fattorino, per alleggerirgli un po’ il lavoro.
Gli ultimi giorni poi c’è un gran correre:
negozi e centri commerciali, stazioni e aeroporti si riempiono di gente.
In cucina le mamme, le nonne, le zie fanno a gara per preparare
un pranzo speciale: a Natale ci si ritrova tutti insieme in famiglia.

Voglio farvi una domanda:
a Natale si aspetta qualcosa o si aspetta qualcuno?
“Tutte e due!” Mi direte voi. In un certo senso avete ragione.
Ma io ci tengo a farvi riflettere su una cosa: che cosa è più bello?
Che cosa vale di più: aspettare qualcosa o aspettare qualcuno?

Pensate all’attesa di un regalo, magari desiderato a lungo,
e poi all’attesa di qualcuno.
Pensate a quando aspettate il papà o la mamma
che la sera tornano dal lavoro. Magari qualcuno riesce a tornare
solo una volta la settimana, forse anche di meno…
Oppure pensate a una mamma che aspetta un bimbo.
C’è una differenza? qual è la differenza?
Quando l’attesa di qualcosa finalmente si realizza,
quando arriva il regalo sospirato voi siete felici,
ma dopo due o tre giorni la gioia si spegne.
E non è difficile che il regalo finisca in un angolo, dimenticato.
Quando invece si compie l’attesa di qualcuno:
quando il papà o la mamma arrivano,
quando il bambino nasce, niente finisce.
Anzi è più bello di prima.
Inizia una nuova avventura.

Con il Natale – lo dice la parola, che significa nascita –noi aspettiamo soprattutto Qualcuno.
Pensate: già secoli prima che Gesù nascesse i profeti lo aspettavano!
Durante la messa di Natale sentiremo la testimonianza del profeta Isaia:
«La vergine darà alla luce un figlio:
a lui sarà dato il nome di Emmanuele, che significa “Dio con noi”».
A Natale noi aspettiamo Lui, Gesù bambino, il Figlio di Dio
che ha voluto farsi uno di noi per essere il Dio vicino
e farci compagnia per sempre.
Il regalo più bello è Gesù.
Tutti gli altri regali che aspettiamo sono segno di Lui.
Vi voglio dire un’ultima cosa.
Sapete qual è il segreto per non stancarci delle
cose che ci vengono regalate? Condividerle con altri.
«C’è più gioia nel dare che nel ricevere» ha detto Gesù ai suoi amici.
E Lui era uno che di gioia se ne intendeva!

Aspettiamo dunque con gioia Gesù. Buon Natale!

download pdf La lettera del cardinale Angelo Scola ai bambini

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Ottobre 1860 – I mille di Garibaldi incontrano l'esercito dei Savoia, dopo aver conquistato il Regno delle Due Sicilie

Social

newTwitter newYouTube newFB